Interloquire con Fabban non è mai banale, così come non lo sono i dischi degli Aborym: l’ultimo Shifting.Negative è un’opera che, inevitabilmente, spariglia le carte in un ambiente musicale talvolta rannicchiato su sé stesso.
Al musicista pugliese va dato atto di non essere certo uno che misura le parole col bilancino del farmacista e, se spesso e volentieri non ci si trova d’accordo con le sue affermazioni (per esempio, la mia visione riguardo al black metal e a chi lo suona è decisamente diversa), non si può non apprezzarne la franchezza e la lucidità. Alle domande ha risposto anche il chitarrista Dan V, rendendo il tutto, se possibile, ancor più interessante …

MetalEyes Credo che ogni musicista abbia sempre la perfetta percezione di quello che è l’effettivo valore delle proprie opere, al di là di quelle che possano essere le sue dichiarazioni di facciata: quali sono le vostre reali aspettative riguardo all’accoglienza nei confronti di Shifting.Negative, confrontandole anche con i riscontri ricevuti in passato dagli Aborym ?

Fabban Le aspettative sono state appagate nel momento in cui ho ascoltato il master del disco che mi ha inviato Marc Urselli. Sull’utima nota di Big H ho buttato giù il mio bicchiere di whiskey, cosa che faccio sempre ogni qual volta che chiudo un disco. Devo essere sincero: mi aspettavo pessimi feedback, soprattutto da parte di radio, magazines, web-mag e fanzines, soprattutto perchè Agonia Records lavora in promozione sui classici canali di musica estrema. Mi aspettavo di vedere questo disco annichilito da recensioni di merda invece ho letto grandi cose su Shifting.negative. Ho letto grandi cose da parte dei nostri fans, ho letto grandi cose da parte di nuovi fans, ho constatato con enorme piacere quanto questo disco sia piaciuto alle donne e mi hanno fatto enormemente piacere i commenti di diversi musicisti con cui sono in contatto, produttori, sound-designers e sound-engineers di grossi studi di registrazione inglesi, americani, tedeschi… Ovviamente il disco è stato stroncato in alcuni casi, ma stiamo parlando di gente che si è improvvisata a critico musicale su webzine amatoriali, sai quelle piccole entità editoriali che osannano tutto ciò che è black metal con una cultura musicale pari a zero. Pertanto come se non esistessero. Va bene così.

Dan V Sapevamo di aver inciso un disco di rottura con il vecchio, Fab ed io ne abbiamo parlato spesso, ci confrontavamo su quelli che secondo noi sarebbero stati gli scenari possibili.
Da un lato ci aspettavamo di perdere alcuni fan affezionati più alle sonorità black, d’altro canto la speranza era di affacciarsi ad un pubblico più ampio ed eterogeneo, e per adesso i riscontri che stiamo avendo sembrano confermare in parte questo pronostico. Se avessi il dono della premonizione, come suggerisci tu nella domanda, probabilmente mi occuperei più di lottomatica che di musica.

ME Con questo lavoro il percorso evolutivo degli Aborym ha raggiunto a mio avviso il suo punto più alto: secondo voi ci sono margini ulteriori per andare oltre e, se sì come immagino, spingendovi in quale direzione?

D Sono d’accordo con te dal punto di vista della maturità che abbiamo raggiunto con Shifting.negative. E’ anche il mio album preferito di Aborym, e non necessariamente perché è il primo in cui sono coinvolto personalmente, eh eh In realtà per certi versi crediamo sia una specie di nuovo inizio, un punto di svolta. Fab ed io ci siamo trovati subito d’accordo sul voler provare qualcosa di nuovo per noi, entrambi ammiriamo gli artisti che riescono ad evolvere continuamente non riproponendo necessariamente un restyling di un determinato lavoro, che magari ha riscontrato i favori di pubblico e critica. E’ difficile pronosticare in che direzione ci muoveremo, sicuramente proseguiremo in questa nuova strada , ma posso dirti che già solo da quando ne discutevamo insieme durante le registrazioni di Shifting.negative (meno di un anno fa) ad oggi, le prospettive e quello che immaginavamo sarebbe stato il nuovo sound, sono cambiate costantemente. Come sempre, bisognerà aspettare di avere in mano il prossimo album.

F Smetterò di fare musica nel momento in cui mi renderò conto di non poter andare oltre. Non so in quale direzione andremo, di sicuro non torneremo indietro. Prevedo grandi cose per il futuro, in considerazione del fatto che ora c’è una line-up completa, ci sono 5 musicisti, 5 professionisti; abbiamo un producer, Andrea Corvo, che ci segue in fase di prove, in pre-produzione, recording e post-produzione; abbiamo uno staff di professionisti che ci seguono (Teo di Braingasm, Marc Urselli, Guido Elmi); abbiamo il nostro studio, Synthesis Studios, dove possiamo lavorare con le nostre macchine, una regia, la nostra strumentazione, senza limiti. Anche di notte. Queste sono le premesse.

ME So che si tratta di un quesito al quale non è sempre facile rispondere, ma sono curioso di sapere come prende vita la fase compositiva negli Aborym. Partite con un obiettivo ben definito e quello perseguite finché non viene ottenuto il risultato prefissato, oppure vi affidate maggiormente all’istinto e alle sensazioni del momento, in una sorta di costante work in progress?

F Dipende. Io lavoro molto con le demo in fase di pre-produzione. A volte le idee arrivano da un testo… e da un concetto quindi, che in alcuni casi decido di approfondire e di spostare su un tappeto musicale. In altri casi alcuni brani prendono forma durante vere e proprie sessioni di improvvisazione, jam session quindi… Le macchine, i softwares, i synth e il mondo dell’Eurorack mi permettono di poter fissare idee con una certa immediatezza, quindi allo stesso modo ho la possibilità di plagiare, combinare, smontare, rimontare, patchare, fare morphing, equalizzare fino ad ottenere delle demo. Queste demo sono il punto di partenza, gli input che consegno agli altri, ai fonici e ai produttori e su queste demo si inizia a lavorare insieme. Su Shifting.negative, rispetto ai dischi precedenti, ho lasciato molto spazio a soluzioni accidentali, a cose capitate casualmente, soprattutto sui modulari. Sbagliando, ricominciando da capo, sbagliando ancora… fino ad ottenere qualcosa che suonava. Io dico sempre: se una cosa suona bene, usala.

D Ho conosciuto Fab un paio di mesi prima di entrare in studio, lui aveva in mano i dieci pezzi che sarebbero diventati Shifting.negative, cui mancavano le chitarre. La mattina del primo giorno di riprese (chitarra) entro in macchina e Fab mi fa “ti do una buona notizia, le chitarre le fai tutte te; contento?” . Fino a quel momento non era ancora chiaro (a me) quale sarebbe stato l’assetto definitivo del gruppo; sapevo ci sarebbero state molte collaborazioni ma non avevo idea se sarei stato l’unico chitarrista a scrivere ed arrangiare le parti. Shifting.negative è praticamente composto per intero da Fabban in un periodo in cui la vecchia line-up iniziava a scricchiolare, probabilmente è stato uno dei motivi per cui ha deciso di occuparsi personalmente di tutto. Leggo spesso di lui appellativi del tipo “mastermind” : ora so perché.
Con la formazione attuale l’idea è quella di ritornare a fare “gruppo”, a scrivere ed arrangiare in sala nel più tradizionale dei modi. Fab resta comunque uno dei compositori più incontinenti che conosco, quindi so che ha sempre tra le mani del materiale appena sfornato, il che non lo nascondo, oltre che essere molto stimolante infonde anche una certa tranquillità.

ME Mi ha sorpreso piacevolmente scoprire che alla realizzazione di Shifting.Negative avrebbe preso parte Davide Tiso, un musicista che personalmente ritengo fra i più talentuosi in circolazione, anche se l’impressione è che non sempre sia riuscito ad esprimere del tutto il suo potenziale: quanto è stato importante il suo contributo, nonostante le sue parti siano state registrate al di là dell’oceano?

F Un po’ tutti in Aborym siamo suoi grandi fans. Personalmente lo considero un autentico genio e sono stato felicissimo di aver ospitato Davide su questo disco. Ha registrato poche cose, ma mirate, studiate, e di forte impatto. La cosa è nata in via del tutto casuale… Karyn, sua moglie, era ospite a casa mia per qualche giorno. Era in giro in Italia per lavorare ad un documentario e così ho avuto modo di parlare con Davide, che ogni tanto telefonava da San Francisco. Non lo sentivo da anni. E’ stato bello.

D Ho sempre stimato moltissimo Davide per le sue doti chitarristiche e compositive. La cosa che più mi piace di lui è la personalità e la voce unica che ha sviluppato sulla chitarra; quando riesci a riconoscere un musicista dalla prima nota che suona, si può dire che quel musicista ha raggiunto l’obiettivo forse più importante, a mio avviso. Mi sarebbe piaciuto averlo con noi in studio, le parti di chitarra che ha composto mi hanno fatto l’effetto del “ecco, questa è una soluzione a cui non avrei mai pensato“. Il tempo e la distanza sono stati per certi versi un po’ limitanti, soprattutto nell’economia di un disco così strutturato e complesso che richiedeva una costante presenza e un confronto continuo in fase di arrangiamento/recording. Magari in futuro avremo tempo e disponibilità per poter collaborare più a stretto contatto, anche solo in studio, sono certo che Davide avrebbe modo di impreziosire ulteriormente il sound di Aborym.

ME Nella lunga storia degli Aborym si sono succeduti molti musicisti, anche di grande nome, ma immagino che quelli attuali ti soddisfino in pieno, alla luce anche dei risultati ottenuti: pensi che siano finalmente le persone giuste per garantire una maggiore stabilità anche in proiezione futura?

F Io, da sempre, sono stato abituato ad essere autosufficiente. Ho sempre pensato che se voglio fare qualcosa devo contare sempre e comunque su me stesso e mi sono sempre fidato poco della gente, in generale. Quando in passato mi sono fidato di qualcuno sono sempre stato ricambiato con tanti calci su per il culo. Pertanto non consegno le chiavi di Aborym a nessuno. Ho sempre fatto in modo di essere autonomo, in tutto. Detto questo ora esiste un bel combo di musicisti, che sono anche ottimi amici, con cui posso lavorare e mi auguro che questa alchimia non si deteriori perché sento solo vibrazioni positive con questi ragazzi.

ME Le tematiche trattate negli ultimi lavori tratteggiano una realtà ostile ed opprimente per chi sia in grado di sviluppare i propri pensieri al di là dei beni effimeri e dei bisogni quotidiani: immagino che ciò sia frutto di una forma di reazione a tutto questo e, allora, vi chiedo se la trasposizione in musica di un tale sentire possa avere degli effetti catartici nei confronti di chi la compone e di chi ne fruisce.

F Non ho mai avuto la presunzione di voler profetizzare o deprogrammare qualcuno che legge le cose che scrivo. Io scrivo ciò che penso senza nessun fine specifico. Scrivo e basta. Sono le mie visioni, le mie paure, le mie sensazioni, le mie invettive e considerazioni. Considero un testo come considero la musica, metto le due cose sullo stesso livello, perché l’uno enfatizza l’altro e viceversa. Quando chi ascolta un disco è particolarmente ricettivo anche su quelli che sono i testi riesce a percepire la musica su un altro livello, con una certa completezza, e si crea empatia tra l’ascoltatore e il musicista.

D Uno dei motivi per cui mi ostino a fare musica, è quella sorta di stato meditativo in cui mi ritrovo quando suono. Non so spiegare bene le dinamiche coinvolte, non ho la presunzione di affiancare personaggi illustri che hanno detto molto di più e molto prima di me. Suono perché l’ho sempre fatto, perché mi sembra di stare meglio e sentirmi una persona migliore, e perché ci sono cose che non riesco davvero a dire con le parole. La prima volta che mi è capitato di scrivere un pezzo che parlava di un evento personale che ha cambiato la mia vita tanti anni fa si, avevo la percezione che quel suono risultante fosse stata la mia catarsi, che mi avrebbe aiutato a guarire. Negli anni le percezioni cambiano, mi sento più cauto su certi argomenti. Ciò che spero veramente, è che in un qualche modo chi ascolta Shifting.negative possa non solo immergersi nell’aspetto formale, inteso come forma, e cioè il linguaggio che abbiamo usato, dal songwriting alla scelta dei suoni; mi piace pensare che qualcuno da qualche parte del mondo possa ascoltare questo disco nella propria intimità casalinga magari, e scorgere non solo la realtà opprimente di cui parli, che è credo più o meno sotto gli occhi di tutti per certi versi, ma che possa anche intravedere la luce in fondo al tunnel. Questo perché credo che il compito della musica, ma dell’arte in generale, sia quello di descrivere sì il mondo che ci circonda, ma anche e soprattutto quello di suggerire una via, una strada, una soluzione. Ecco “soluzione” forse è una parola troppo pesante perché in ogni caso qui nessuno di noi ha mai eseguito un intervento a cuore aperto o annullato il debito pubblico dei paesi poveri, o rivelato le tre prove dell’esistenza di dio.

ME Devo ammettere d’essere stato colpito da un brano come Precarius, dalla potenza smisurata pur se racchiusa in un involucro per lo più soffuso: è stato scelto per essere accompagnato da un video proprio perché lo ritenete in qualche modo emblematico dell’umore dell’album , benché non ne sia in effetti la traccia più rappresentativa a livello strettamente musicale?

F Bartek, ovvero la persona che si occupa della promozione di Aborym e di questo disco, ha fortemente premuto per rilasciare “Precarious” come apripista. Io non ero molto d’accordo ma mi sono fidato della sua esperienza. Mi ha chiesto se fosse possibile realizzare un teaser video.. così ho pensato di girare delle sequenze a Taranto. Durante il montaggio mi sono accorto che musica e immagini funzionavano perfettamente così ho deciso di trasformare il teaser in un vero e proprio videoclip. Ho filmato tutti i luoghi in cui ho vissuto, le strade che percorrevo per andare a scuola, i luoghi di quella città che frequentavo la sera. Mentre filmavo mi sentivo bene… pochi minuti dopo mi sentivo male… poi di nuovo bene… Era un dondolare continuo tra stati d’animo discordanti: rabbia, malinconia, delusione, solitudine, ira, depressione, felicità… Ho cercato di parafrasare in immagini tutto questo, sulla musica e sul testo di “Precarious”. Il disagio e quel terribile senso di vuoto che provano in tanti, ogni giorno. Quella sensazione terribile che si prova quando hai la consapevolezza che quello che avevi non è più tuo. Quello che era non è più come prima. Quando realizzi che una cosa è bella solo quando l’hai persa.

ME Le personalità forti di solito provocano divisioni profonde nell’audience musicale: gli Aborym sono una di quelle band che, a giudicare da certi commenti che si leggono in rete, non lasciano indifferenti, provocando sentimenti di amore ed odio apparentemente in uguale misura; al riguardo vi chiedo cosa ne pensate di questo fenomeno, comune anche ad altre band o musicisti, che parrebbe essere un problema soprattutto italiano.

F Il mio compito è fare musica e dedico il mio tempo a questo. Queste storielline tutte italiane non mi hanno mai interessato. Penso che la musica possa essere amata e basta; non trovo molto sensato l’odio verso la musica… Se un disco o una band non ti piacciono non l’ascolti e basta… Perché odiare un disco o una band? Trovo la cosa veramente infantile e poco intelligente.

D Credo sia normale. Che la gente si esprima, intendo. Personalmente non sono un fan delle chiacchiere da bar, men che meno di quelle da bar virtuale, online. Ovviamente non mi aspetto che Shifting.negative debba piacere a tutti, ciò non toglie che il fenomeno del blogger sia qualcosa che, mio malgrado, non posso condividere. Internet era partito come cosa buona e giusta, come una fonte pressoché illimitata di informazioni e possibilità; troppo spesso ho come la sensazione che ci limitiamo solo ad usarlo come protesi del nostro ego, ed ecco che fioccano comunità intere di tuttologi e profeti, che millantano onniscienza e capacità di analisi fuori dal comune. Ecco, credo che se dedicassimo più tempo a noi stessi, leggendo un libro, ascoltando un disco, andando al cinema o facendo una passeggiata mano nella mano col proprio partner (e non mano nella mano col fottuto i-fuck) potremmo concederci il lusso di goderci la vita quella vera, e semmai impreziosirla col grande miracolo di interattività e comunicazione che apple e soci ci hanno “regalato” da qualche anno a questa parte. Del resto quando ci capita di imbatterci in una persona scostante o nervosa la prima raccomandazione che gli facciamo è di usare più spesso la zona pelvica no? Non credo sia una storia solo italiana, anche se devo ammettere che in qualche modo riusciamo sempre a distinguerci dagli altri. E non parlo di buone maniere…

ME In tutta sincerità, l’accostamento degli Aborym ai Nine Inch Nails è un qualcosa che ritenete lusinghiero o, piuttosto, alla lunga limitante o fuorviante?

D Che i NIN siano stati e siano una fonte di ispirazione non è un mistero; credo che dal punto di vista compositivo la differenza tra emulazione e “acquisizione” (ascoltare imparare metabolizzare) sia la chiave. Anche in questo senso credo, come spero, che chi ascolterà il disco possa riuscire a cogliere questo percorso: stando ai primi riscontri di critica e pubblico, sembra che ci siamo riusciti.

F Ho scoperto con enorme piacere che da quando è uscito Shifting.negative tutti si sono scoperti grandi conoscitori dei Nine Inch Nails ahahah ahha.. Sarà una casualità… eh ehh… Scherzi a parte, rispondo in questo modo: meglio essere avvicinanti ad una band come Nine Inch Nails che ai Mayhem o ai Cannibal Corpse o a centinaia di band che da decenni sono copie di copie di copie di copie… Inoltre, credo che in molti abbiano ibernato la band di Reznor negli anni ’90, perché gli ultimi lavori dei NIN non hanno grossi punti in comune con Shifting.negative… Ad ogni modo per me è un enorme complimento.

ME Nonostante faccia parte del tuo background musicale, da diverso tempo hai tagliato i ponti con il black metal e da tutto ciò che rappresenta: questo perché lo ritieni un genere a suo modo anacronistico o piuttosto perché non condividi l’approccio attuale di chi continua a suonarlo ?

F E’ una moda, per lo più adolescenziale, destinata al dimenticatoio. La vera musica è altro, gli artisti che rimarranno impressi nella memoria nel futuro sono altri. Faccio fatica a visualizzare la band blackvomitkillchristfuckthisandfuckthat666 proiettata tra vent’anni… Tra vent’anni ricorderò altre band… continuerò a ricordare band come Pink Floyd, Massive Attack, Alice in Chains, gente come Brian Eno, Trent Reznor, Steven Wilson… Vedo un sacco di merda in giro, ci sono pochissimi nomi che potenzialmente potrebbero essere un valido ricambio a livello generazionale. Figuriamoci se parliamo di black metal e di quattro stronzi conciati da clown. La musica è altro. Non ho mai visto tanta ridicolaggine attitudinale e comportamentale come nel black metal e ultimamente mai così tanta scarsità di talento e di gusto musicale.

ME La storia degli Aborym ha preso il via quando eri appena maggiorenne e negli anni novanta hai anche scritto per alcuni dei più noti magazine di settore: si può affermare, quindi, che hai attraversato in varie vesti gli ultimi 25 anni di storia del metal nel nostro paese. Secondo te quale è lo stato di salute attuale del movimento, alla luce di quanto hai potuto toccare con mano in un lasso di tempo sicuramente significativo?

F Da quando esiste internet, o meglio da quando è stato concesso a tutti di poterne usufruire, tutto si è quintuplicato a discapito della qualità. Solo su facebook esistono milioni di band, molte delle quali non avrebbero neanche motivo di esistere, molte delle quali non avremo neanche la possibilità di conoscere… e magari tra queste ci sono i nuovi Kiss, i nuovi Motley Crue o i nuovi Ozric Tentacles. Tutto è divenuto troppo accessibile da un lato e assolutamente impenetrabile dall’altro. La qualità si è abbassata notevolmente e oggi chiunque è in grado di registrarsi un disco con il proprio Pc, disco che inizia a girare e che magari vende decine di migliaia di copie solo perché spinto su canali preferenziali. Sono scomparsi i cultori di musica e le grandi firme a livello giornalistico. Oggi chiunque è in grado di improvvisarsi giornalista o critico musicale, mettere su una webzine ed inanellare idiozie su idiozie, recensioni, critiche… decretando il successo o l’insuccesso di una band. Molti di questi non sono neanche in grado di scrivere in italiano correttamente. Internet ha iniziato a manufatturare e divulgare una quantità di imbecilli spaventosa. Inimmaginabile. Oggi, attraverso internet, giornali e major decidono cosa deve vendere e cosa no, cosa deve esplodere e cosa no, cosa deve diventare trend e cosa no. E la gente zitta li sotto, ad ingoiare con la bocca spalancata. Internet ha democraticamente spalancato tante bocche rimaste per anni in silenzio e ora c’è un chiasso assordante. Chiunque si sente libero di aprire la propria fottuta bocca standosene comodamente seduto davanti al Pc. Vedo poche cose interessanti e tanta merda li fuori.

ME Per finire non posso che chiedervi qualcosa sui programmi futuri degli Aborym , inclusa la possibile attività live per presentare dal vivo il magnifico Shifting.Negative.

F Abbiamo iniziato a provare insieme. Ci vorrà del tempo. Non so quanto, ma preferiamo fare le cose per bene. Di sicuro tra qualche mese ci sarà nuova musica di Aborym in giro. Questo è quanto al momento.

D E’ un periodo molto florido per Aborym, abbiamo moltissimo da fare; come ti anticipavo, la line-up è completa da pochi mesi, attualmente siamo impegnati su più fronti. Da un lato stiamo lavorando sul live, suonare e arrangiare il disco in formazione estesa è il primo obiettivo che ci eravamo proposti. Parallelamente siamo impegnati alla lavorazione di nuovo materiale, ci sono molte novità in cantiere, per ora non posso anticiparti nulla di ufficiale, ma molto probabilmente sentirete parlare di nuovo di pubblicazioni a nome Aborym nel corso di questo anno solare. E presto, dobbiamo ancora sistemare alcuni dettagli, saremo on the road, non vediamo l’ora di proporre Shifting.negative dal vivo e tastare con mano che effetto fa nella VITA REALE. A buon intenditor…