Recensione

San Francisco, Bay Area: il virus, che all’alba degli anni novanta ha tramutato molti giovani in orde di musicisti assetati di sangue e devoti al death metal, ha rallentato il suo dipanarsi ma ancora oggi infetta umani, trasformati in enormi orchi con strumenti in mano a caccia di un pasto.

Dieci anni di militanza nella storica scena e terzo full length per questo pezzo di granito estremo chiamato Acephalix, quartetto che nel suo sound immette, senza nessun riguardo, dosi abbondanti di death metal old school pescando dalla tradizione del suo paese, ma con non pochi riferimenti anche alla scena nord europea.
Decreation infatti risulta un macigno pesantissimo, diviso tra mid tempo, lente frenate e ripartenze devastanti, con il growl uscito dall’ugola di un essere per metà uomo e per metà mostro; sette brani medio lunghi per quasi quaranta minuti in caduta libera nel più profondo abisso, tra neanche troppo velate ispirazioni a Cannibal Corpse e Morbid Angel e guardando alla Scandinavia, Entombed e Dismember.
Ne esce un album brutale e pesantissimo, oscuro e maligno, niente di nuovo o che non si sia già sentito centinaia di volte, ma la forza che sprigionano brani dall’impatto feroce come Upon This Altar, Excremental Offerings o la title track non passerà senza fare danni ai padiglioni auricolari degli amanti del genere.
La copertina di Adam Burke ricorda quelle dei primi devastanti massacri degli eroi del death metal scandinavo, l’album ha un impatto notevole e gira senza grossi intoppi, risultando un ascolto in grado di soddisfare gli amanti del death metal vecchia scuola.

Tracklist
1. Upon This Altar
2. Suffer (Life In Fragments)
3. Mnemonic Death
4. God Is Laughing
5. Excremental Offerings
6. Egoic Skin
7. Decreation

Line-up
Luca – Bass
Dave Benson – Drums
Kyle House – Guitars
Daniel Butler – Vocals

ACEPHALIX – Facebook