Recensione

Attiva dalla seconda metà degli anni novanta, ma sotto altri monicker già in pista nel decennio precedente, la band finlandese degli Ancara torna con un nuovo album, il quarto della sua carriera a otto anni dal precedente Chasing Shadows.

Il gruppo può sicuramente vantare un’esperienza importante ed un sound dall’appeal enorme, melodico e ruffiano quanto basta per girare a dovere nelle radio nord europee ed incontrare i favori dei kids più giovani.
Infatti il quintetto di Helsinki abbina con sapienza e talento l’hard rock alternativo, in uso negli anni novanta e di provenienza statunitense, con quello melodico e dagli spunti vicini all’AOR di tradizione nord europea, ed il tutto funziona, almeno per chi non può stare senza melodia, con la grinta tenuta a bada da canzoni radiofoniche e ballatone da sciogliersi come neve al sole, in riva ad uno dei famosi mille laghi di cui la loro terra d’origine è famosa.
Qualche brano accenna sfumature elettroniche (Wake Up e Child Of The Sun), altre puntano a far saltare i fans a ritmo del rock in arene non più attraversate dal glam ottantiano ma dall’alternative del nuovo millennio (Feeding The Fire e la title track), altre si rivestono di un velo scuro e quasi dark con atmosfere che ricordano i The 69 Eyes degli ultimi lavori (Perfect Enemy).
Ne esce un album vario e, come detto, molto melodico: il gruppo ha nel cantante Sammy Salminen il suo angelo, un po’ Gabriele, un po’ Lucifero, perfetto con la sua timbrica nel saper lavorare le melodie tra alternative, AOR ed innocente dark rock.
Un album dalle buone potenzialità , vedremo se è ancora tempo per la musica degli Ancara, ma se vi piace il rock melodico con sfumature moderne, Garden Of Chains può sicuramente diventare uno dei vostri ascolti.

TRACKLIST
1.The End (Easier Than Love)
2.Wake Up
3.Feeding the Fire
4.Changes Come
5.Ending Mode
6.Child of the Sun
7.Perfect Enemy
8.Incomplete
9.The Warmth
10.Garden of Chains
11.Better Man

LINE-UP
Sammy Salminen – Vocals
Juha “Juice” Wahlsten – Guitars, vocals
Toni Laroma – Guitars
Toni Hintikka – Bass
Rale Tiiainen – Drums

ANCARA – Facebook