Recensione

La scena olandese dei primi anni novanta può sicuramente essere considerata come una delle più floride e qualitativamente importanti del death metal di quegli anni: non a caso, con il ritorno in auge dei suoni old school, le label hanno cominciato a rilasciare vecchie uscite dei gruppi più famosi o album di altri rimasti ai margini, persi nell’universo dell’ underground estremo.

I Bloodgod sono invece un gruppo nuovo di zecca o quasi: attivo da una manciata d’anni, arriva al secondo lavoro in formato ep intitolato Catharsis, che segue di quattro anni il debutto Pseudologia Phantastica.
Il trio proveniente dalla provincia di Utrecht si definisce dutch death metal band e non solo riguardo al paese che ha dato i natali a Johnny Derechos (batteria), Frank Van Boven (voce e basso) e Daan Douma (voce e Chitarra), ma per il sound che si ispira alla storica scena orange degli anni novanta.
Catharsis si compone di cinque brani oltremodo devastanti, con l’uso sistematico della doppia voce (scream/growl), chiaramente in ambito old school.
Quindi dimenticatevi anche una sola nota che vada più in là della metà del decennio che ha accompagnato il genere nel nuovo secolo: il death metal dei Bloodgod è pesante, soffocante, pregno di malati mid tempo ed una vena ispirata, tra gli altri, dai primissimi Gorefest, uno dei gruppi più importanti nati nei Paesi Bassi.
Un buon lavoro ed un gruppo che risulta senz’altro convincente nel saper trattare la materia, più delicata di quello che si possa pensare, una botta estrema che non si placa che per pochi secondi di trame acustiche che fanno da preludio all’ottima Hammerite, il resto è dutch death metal di origine controllata.

TRACKLIST
1.Valar Morghulis
2.Catharsis
3.Hammerite
4.’t Schrickelik Tempeest
5.Satan’s Smile

LINE-UP
Johnny Derechos – Drums, Spoken words
Frank van Boven – Vocals, Bass
Daan Douma – Vocals, Guitars

BLOODGOD – Facebook