Recensione

Tornano più irruenti e veloci che mai i Chaos, band proveniente da Trivandrum (India) e di cui il sottoscritto si era già occupato tre anni fa in seguito all’uscita del notevole Violent Redemption, primo full length dei thrashers asiatici.

Licenziato (e non potrebbe essere altrimenti) dalla Transcending Obscurity, il nuovo album continua l’opera di distruzione iniziata con il precedente lavoro, una ruspa che abbatte senza pietà su tutto e tutti a colpi di thrash metal made in Bay Area.
Il quartetto non le manda di certo a dire ai colleghi americani ed europei e All Against All risulta un altro assalto ai padiglioni auricolari dei kids dai gusti metallici di estrazione thrash.
Un sound old school duro come l’acciaio, veloce e violento come nella migliore tradizione, ma che non risparmia una valanga di melodie, riffoni che smuovono montagne, solos che accendono il cielo, lampi di metal estremo che una sezione ritmica da infarto ( Vishnu, Basso e Manu alle pelli) e la chitarra di Nikhil che incendia pentagrammi, contribuiscono a rendere anche questo nuovo album una notevole mazzata metallica.
La rabbia vomitata del singer JK e i dieci brani sparati alla velocità della luce ci investono per un’altra quarantina di minuti scarsi firmata dai Chaos, ottimi alfieri di quello che è il thrash metal di Exodus e Death Angel, con brani violentissimi ma sempre confinati nell’old school come The Inevitable Genocide, Patros Of Pain e la conclusiva The Escape!
Un gruppo che si conferma, nel suo genere, come ottima alternativa ai soliti nomi, e diffidate del paese di provenienza, in India si suona grande metal.

TRACKLIST
1.The Great Divide
2.The Inevitable Genocide
3.All Against All
4.Indoctrination
5.Death to the Elite
6.The Enemy
7.Patrons of Pain
8.Asylum
9.Portrait in Blood
10.The Escape

LINE-UP
Vishnu – Bass
Manu Krishnan – Drums
JK – Vocals
Nikhil N R – Guitars

CHAOS – Facebook