Recensione

Dalla splendida cittadina di Graz arrivano i Darkfall, entità estrema che si aggira per il territorio austriaco da metà anni novanta.

Pur con così tanti anni di attività il gruppo ha licenziato una manciata di lavori minori e un solo album sulla lunga distanza, quel Road To Redemption uscito quattro anni fa e che ora trova il suo degno successore con At The End Of Times, album composto da dieci bombe sonore sempre in bilico tra thrash metal e melodic death.
Il risultato non può che essere buono anche per via di un’ottima produzione ed un songwriting che non abbassa la guardia pur svolgendo il suo compito lungo cinquantadue minuti, non pochi per un lavoro del genere.
I Darkfall offrono furia metallica, estrema ed oscura, un lavoro chitarristico di buona presa e ritmiche che affondano gli artigli tanto nel thrash metal quanto nel più frenato ma potentissimo death, così da offrire un lavoro per tutti i gusti, anche se a mio parere più vicino ai palati dei fans del death melodico.
Soilwork ed At The Gates, oscurati da passaggi evil e veloci fraseggi thrash, questo è il riferimento proposto da brani come l’opener Ride Through The SkyThe Way Of Victory che, come suggerisce il titolo, porta con se un’atmosfera epica che ricorda gli Amon Amarth.
La lunga Ashes To The Gods, l’intro sinfonico e maligno di Welcome The Day You Die, sono più che fulgidi esempi della musica prodotta dal gruppo austriaco con questo At The End Of Time, album che si colloca tra le migliori uscite offerte dall’underground metal in questi ultimi mesi dell’anno, per quanto riguarda il genere.

Tracklist
01. Ride Through The Sky
02. The Breed Of Death
03. The Way Of Victory
04. Deathcult Debauchery
05. Ashes Of Dead Gods
06. Your God Is Dead
07. Blutgott
08. Welcome The Day You Die
09. Ash Nazg – One Ring
10. Land Of No Return MMXVII

Line-up
Thomas Spiwak – Vocals
Sascha Ulm – Guitars, Vocals
Stephan Stockreiter – Guitars
Markus Seethaler – Bass, Guitars
Thomas Kern – Drums

DARKFALL – Facebook