Recensione

Power metal battagliero ed epico il giusto per tornare a sfoderare le spade e buttarsi a capofitto sul campo di battaglia, cercando di tagliuzzare più nemici possibili sotto la bandiera dei Fireforce, giovane combo belga attivo dal 2008 e con altri due full length alle spalle (March On e Deathbringer, rispettivamente usciti nel 2011 e tre anni fa).

Nazionalità belga ma cittadinanza tedesca, almeno per quanto riguarda la propria proposta incentrata su un heavy power che, senza infamia e senza lode, segue le caratteristiche peculiari della tradizione teutonica.
Annihilate The Evil è composto da una dozzina di brani che affrontano la materia senza orpelli e fronzoli, una ventata di power metal nella sua forma più pura, veloce e semplice, con un songwriting che spinge sulla potenza delle ritmiche, cercando di trovare le giuste melodie e concentrandosi su un approccio per cui vale la frase “palla lunga e pedalare”.
Parte bene l’album, l’opener The Boys From Down Under è il classico brano su cui mille altre bands del genere hanno costruito le loro fortune, diretto, pesante e melodico, e i Fireforce ci hanno tratto giustamente un video, seguito da Revenge In Flames, altro muro metallico su cui i belgi combattono la loro battaglia.
I problemi arrivano dalla terza traccia, che non cambia di una virgola il mood dei primi due brani, seguendo perfettamente la struttura già evidenziata, partenza più o meno potente, strofa, ritornello, solo e via verso la conclusione.
Il power metal è un genere meno facile di quello che si possa credere, il già sentito è dietro l’angolo e finire nell’indifferenza è un attimo se non si hanno le idee necessarie per valorizzare un sound che, altrimenti, è destinato ristagnare nei soliti cliché.
Annihilate The Evil non è un brutto lavoro, ma soffre di una staticità di fondo che alla lunga disperde energie e concentrazione in chi ascolta e per questo non va oltre una semplice sufficienza.

Tracklist
01. The Boys From Down Under
02. Revenge In Flames
03. Fake Hero
04. Dog Soldiers
05. Oxi Day
06. Thyra’s Wall
07. Defector
08. The Iron Brigade
09. White Lily (Okhotnik)
10. Iron, Steel, Concrete, Granite
11. Herkus Mantas
12. Gimme Shelter (CD only Bonustrack)

Line-up
Filip “Flype” Lemmens – vocals
Serge Bastaens – bass
Thierry Van der Zanden – guitar
Erwin Suetens – guitar
Jonas Sanders – drums

FIREFORCE –
Facebook