Recensione

Gli Horrid sono dei veterani della scena death metal italiana, essendo attivi dal 1989, arrivano da Varese e migliorano ad ogni uscita.

Esce per Dunkelheit Produktionen questo Beyond The Dark Border che è una mazzata non indifferente, e che rende noto a giovani e meno giovani che gli Horrid sono tra i migliori Beyond The Dark Border gruppi in Europa. Il loro stile è un misto di scuola scandinava ed americana, dove però vince sulla distanza quest’ultima. Ascoltando il disco si viene calati con prepotenza in un oscuro reame, in cui stalattiti di ghiaccio e polvere sfiorano la nostra faccia e dove il freddo è l’unico dio. Gli Horrid possiedono quel passo superiore nel fare death metal che hanno solo i grandi gruppi, e che fa produrre dischi di grande potenza e pathos. Il massacro non viene mai meno per tutta la durata del disco, ed è davvero piacevole farsi massacrare dalla band lombarda, con la produzione ad assistere validamente il progetto di conquista del vostro stereo, che non ha molta scelta. Rispetto alla maggioranza dei dischi death metal che stanno uscendo ultimamente, Beyond The Dark Border ha davvero molte cose in più, soprattutto il grande pregio di farsi ascoltare dall’inizio alla fine, senza mai avere il dubbio di lasciarlo in sospeso. Questo perché il death degli Horrid è davvero eccellente, cantato e suonato come dovrebbe essere suonato ogni disco del genere. L’esperienza non sarebbe nulla se non venisse supportata da una passione e da una voglia ancora superiori: Beyond The Dark Border è semplicemente un grande disco di death metal senza se e senza ma.

TRACKLIST
1.The Black March
2.Cursed Dunes
3.Blood Painted Walls
4.The Eyes Of Terror
5.The Statement
6.Sacrilegious Fornication
7.Missing End
8.Demonic Challenge
9.Beyond The Black Border

LINE-UP
Belfagor – guitar
Dagon – bass/vocals
Eligor – drums

HORRID – Facebook