Recensione

Non solo il Brasile è terra di tradizione metallica, il centro/Sud del continente americano è infatti fucina di realtà in tutti i generi della musica dura, dall’Argentina al Cile, passando dunque per il più settentrionale Messico, paese di provenienza di questa notevole band hard & heavy chiamata Leider.

Il gruppo arriva al traguardo del terzo full length in tredici anni di attività, pochi lavori ma buoni fin dall’esordio Furia, uscito ormai dieci anni fa e seguito dal secondo Seven del 2012.
Sono passati cinque lunghi anni, e la band torna con Alloys, un concentrato di potenza heavy metal, classico ma nello stesso tempo ben saldo in questo tempo così da non dare all’ascoltatore una sensazione di vintage, puntando al bersaglio grosso per via di un’ottima produzione e un buon songwriting,
Il Dickinson Solista, ovviamente gli Iron Maiden e poi la potenza heavy power dei Primal Fear a dare quel tocco di Judas Priest, permettono ai brani di Alloys di esplodere in tutta la loro carica heavy metal, con Phoenix punta di diamante di un’ottima raccolta di canzoni che fa risplendere il talento di Diego Trejo, vocalist di scuola Red Siren, e dei suoi compagni d’avventura.
Chitarre chirurgiche, solos di scuola priestiana e sezione ritmica precisa e potente, sono le caratteristiche principali del gruppo messicano, protagonista di una prova convincente.
We Are Masters, Insanity, l’epica Blood Heroes (aperta da una suggestiva intro di cornamuse) sono i brani perfetti per un ascolto tutto metallo, sudore e sangue: l’originalità abita (forse) da lontano da Alloys, qui si fa heavy metal con la H e la M al loro posto.

Tracklist
1.We Are Masters
2.Flesh
3.Phoenix
4.Insanity
5.Dust from Hell
6.Boo
7.High Flying Bird
8.Blood Heroes

Line-up
Julio Romo – Bass
Japo Lopomontiel – Drums
Sergio Trejo – Guitars
Jhovany Lara – Guitars
Diego Trejo – Vocals

LEIDER