Recensione

I canadesi Mongol propongono un buon folk metal, che spicca dalla grande messe di titoli del genere.

Nati nel 2009, hanno una storia è particolare, poiché a partire dal nome il gruppo si è dato lo scolpo di descrivere la vita e le gesta della civiltà mongola, in particolare il periodo dell’Impero, un’era in cui la Mongolia rivestiva una grande importanza, dato che con i suoi condottieri, divenuti famosi sia per il loro coraggio che per la loro capacità di governare, aveva conquistato molte terre. In occidente ne sappiamo poco, ma questa band di Edmonton cerca di spiegarcelo attraverso un ottimo folk metal, con chitarre distorte, un’ottima sezione ritmica e una grande capacità di coniugare melodia e potenza. Infatti la melodia è una delle colonne portanti della poetica dei Mongol, tanto che in alcuni punti si arriva a sfiorare il power e l’epic metal, vista anche la magnificenza delle gesta narrate. Inoltre nell’ep vi è un largo uso di strumenti e melodie mongole, dato che questo popolo ha un’ampia tradizione musicale. Molte influenze i Mongol le avranno catturate partecipando al primo Noise Metal Festival in Mongolia nel 2014, insieme ai Nine Treasures. Insomma, un lavoro ottimo e originale, sicuramente al di sopra della media per quanto riguarda il folk metal, in attesa di una prova sulla lunga distanza.

Tracklist
1.The Mountain Weeps
2.River Child
3.Warband

Line-up
Tev Tegri – Vocals
Zev – Lead guitar, vocals, and folk instrumentation
Zelme – Rhythm Guitar
Sorkhon Sharr – Bass
Sche-Khe – Keyboard
Bourchi – Drums

MONGOL – Facebook