Recensione

Gli americani non solo hanno inventato il metal moderno ma lo sanno suonare dannatamente bene, anche se il nu metal ormai non è più cosa per il mercato mondiale ed album come Desolation rischiano di non avere più i riscontri di una quindicina di anni fa.

Eppure i Motograter non sono un nome così famoso, almeno per chi, gli anni d’oro del genere li ha vissuti superficialmente: attivi dalla metà degli anni novanta, non sono mai stati prolifici per quanto riguarda le uscite che si fermano a tre ep ed un full length prima di questo nuovo lavoro.
Un’autentica tribù di musicisti si sono dati il cambio tra le fila del gruppo proveniente da Santa Barbara (California), forse anche per questo che la band non ha mai trovato quella stabilità utile per definire sound ed impegni, ma ci riprova con una formazione nuova di zecca ed un lavoro che, di fatto, non delude, risultando melodico e metallico, moderno ma radicato nella scuola nu metal.
Quindi dimenticate suoni e ritmi core e concentratevi su quello che suonavano nella scena statunitense a cavallo del millennio, aggiungendo reminiscenze alternative rock che si muovono come fantasmi tra le sfuriate di Desolation, album che si fa ascoltare, melodicamente sopra le righe, magari non d’impatto come le uscite a cui siamo abituato oggi, ma duro quanto basta per non mollare la presa sui genitali di chi ama il sound che rese famosi gente come i Korn, gli Spineshank, i P.O.D. e i Papa Roach.
Un buon lavoro, dunque, che utilizza le caratteristiche peculiari del genere, ci aggiunge alternative rock e post grunge a piccole dosi ed ogni tanto ci va giù duro, accontentando un po’ tutti i gusti.
Bisogna essere capaci a rendere la propria proposta varia senza lasciare che la tensione scenda, e questo succede in brani come l’opener Parasite, la potente Victim eLa notevole Misanthropical, traccia che sembra uscita dalle session del discusso The Burning Red dei Machine Head.
Prodotto da Ahrue Luster (Ill Nino/Ex-Machine Head), Desolation, pur non arrivando alle vette artistiche degli album storici del genere, risulta un’oasi di metal moderno in mezzo al deserto di proposte metalcore che inondano il mercato discografico odierno.

Tracklist
1.Parasite
2.Dorian
3.Victim
4.Paragon
5.Bleeding Through
6.Misanthropical
7.Daggers
8.Portrait of Decay
9.Locust
10.Rise (There Will Be Blood)
11.Shadows

Line-up
Matt “Nuke” Nunes – Guitar
James Anthony “Legion” – Vocals
Mylon Guy – Bass
Noah “The Shark” Robertson – Drums
Joey “Vice” – Back Vocals, Percussions, Programming

MOTOGRATER – Facebook