Recensione

Ecco un album che scaraventa al muro a suon di pugni e calci una gran parte del metal estremo con parola finale core.

Se vi siete abituati un po’ troppo ai suoni puliti, la rabbia troppe volte finta e gli atteggiamenti cool delle band metalcore, sostituite metal con thrash ed avrete trovato la miscela esplosiva che fa deflagrare i dieci brani racchiusi in Zero, primo album di questo trio proveniente dal nord est e che di nome fa Next Bullet.
Tre musicisti provenienti da altre esperienze musicali (Overblood e Awake The Secrets) e dieci bombe thrash/punk/hardcore da sparare come una mitragliatrice impazzita in appena ventitré minuti di battaglia, sanguinaria, violentissima e senza compromessi.
Non riesco ad immaginare la distruzione sonora che brani di una potenza gigantesca, pregni di un groove che non lascia scampo, accompagnato ad un sound dirompente, possano innescare dal vivo dove questo tipo di musica vive e trova la sua dimensione, lasciando ad altri produzioni patinate, coretti strappalacrime ed una disperazione più finta che il seno prosperoso e sodo di una sessantenne con più silicone che sangue in corpo.
Marc1 (voce), Paske (chitarra e basso) e Tom KT (batteria) sono una macchina da guerra, una crudele mietitrice che falcia tutto e tutti sotto cannonate metalliche come l’opener Next Bullet, le granitiche e devastanti All I Have Earned e Not Allow Them, il muro sonoro alzato da Born On The Wrong Side e l’urgenza punk rock della conclusiva Remember!.
Davvero notevoli, convincenti e dall’attitudine che sprizza dalle casse dello stereo come sangue da una ferita aperta da un pugno in pieno volto, i Next Bullet sono da supportare senza se e senza ma.

TRACKLIST
01. Next Bullet
02. All I Have Earned
03. Not Allow Them
04. Antiparasitic
05. Unrelenting Will
06. 2015: Mission Accomplished
07. Born On The Wrong Side
08. The New Hashtag
09. Kill The Maniac Pedophile
10.Remember!

LINE-UP
Marc1 – Vocals
Paske – Guitar, bass
Tom KT – Drums

NEXT BULLET – Facebook

DESCRIZIONE SEO / RIASSUNTO