Recensione

Quando ormai ci eravamo rassegnati ad un periodo senza musica estrema targata Rogga Johansson, ecco che l’instancabile svedese ritorna sul mercato con quella che di fatto è la sua band madre i Paganizer.

Ormai accasata tra le lapidi e la terra mossa dai vermi della Transcending Obscurity, questa devastante ed agghiacciante realtà estrema (ormai da considerare storica),  una delle poche in costante attività, torna a risvegliare zombie affamati in cerca di carne tenera con questi dieci brani che invitano al massacro, un abominio perpetrato a colpi di puro e tradizionalmente distruttivo swedish death metal.
Il buon Johansson e compagni hanno pescato dal cilindro un macigno estremo (forse complice la pausa che il musicista si è preso dai suoi mille progetti), valorizzato da un songwriting senza una sbavatura che sia una, creando una colonna sonora per il ritorno dei non morti sulla terra.
Death metal scandinavo chiaramente old school, attraversato da venti estremi, aperture melodiche da cardiopalma che impreziosiscono l’ottimo lavoro delle chitarre (Johansson/Kjetil Lynghaug) e una furiosa tempesta ritmica che accompagna il banchetto ad opera di Matte Fiebig (batteria) e Martin Klasen al basso.
Pronti via e si viene investiti dal tornado Paganizer, l’opener Your Suffering Will Be Legendary è la prima lezione di storia svedese per quanto riguarda il death metal, e l’interrogazione alla quale la truppa di zombie è sottoposta, continua con Dehumanized, altro pezzo da novanta di Land Of Weeping Souls.
Non provateci neanche a mettervi le cuffie in testa e cercare una qualche innovazione, la title track e The Insanity Never Stops risvegliano antichi e bestiali istinti, sotto l’ipnotico massacro che i Paganizer assecondano con The Buried Undead.
Detto dell’alto livello del songwriting non rimane che fare i complimenti al gruppo, portatore del sacro verbo metallico estremo che i Dismember, i Grave e i primi Hypocrisy fecero risplendere negli anni in cui  il genere diventò qualcosa di più che musica estrema underground.
I Paganizer si confermano come una delle realtà più convincenti ed importanti che il death metal scandinavo abbia tra le sue fila, in questo inizio di millennio in cui le sonorità old school sono tornate prepotentemente tra le preferenze degli amanti del metal estremo.

Tracklist
01. Your Suffering Will Be Legendary
02. Dehumanized
03. Forlorn Dreams
04. Land of Weeping Souls
05. The Insanity Never Stops
06. Selfdestructor
07. Death Addicts Posthumous
08. The Buried Undead
09. Soulless Feeding Machine
10. Prey To Death

Line-up
Rogga Johansson – Guitars, Vocals
Kjetil Lynghaug – Lead Guitars
Matte Fiebig – Drums
Martin Klasen – Bass

PAGANIZER – Facebook