Recensione

Finalmente esce il molto atteso album di debutto sulla lunga distanza per i death metallers indiani Plague Throat, che arrivano a questo disco dopo l’ottimo ep An Exordium To Contagion.

Il trio indiano fa un death metal potente e debitore della scena americana anni novanta, ed è presente anche un pizzico di scuola svedese.
Il disco fila via a briglie sciolte, grazie alla notevole intensità delle canzoni, che non scemano mai,e che hanno crescendi impetuosi arrivando ad essere notevoli cavalcate che tracimano a volte nel death metal tecnico. Se l’intensità è forse il maggior punto di forza del gruppo, anche la tecnica fa la sua parte, dato che i tre si intendono molto della materia trattata. In mezzo a tutta questa intensità troviamo anche ottime melodie che costituiscono le fondamenta di questa costruzione. In India c’è una scena metal che si è sviluppata negli anni e non può essere più considerata una sorpresa. I Plague Throat sono uno dei migliori gruppi death mai usciti da quella penisola, e questo album di debutto ne rimarca tutte le potenzialità. Dato che si può migliorare ancora, vi sono elementi che saranno aggiustati col tempo, ma è davvero poco il disavanzo da limare, tanto è buona la sostanza. Quando un disco death metal esce come Human Paradox non c’è molto da dire ma tanto da sentire.

TRACKLIST
1.Inherited Failure
2.Dominion Breach
3.Fallible Transgression
4.The Human Paradox
5.Hour of Darkness
6.Corporeal
7.Truth In Silence
8.Conception Subjection
9.Conflict Resolution
10.Ma Nga

LINE-UP
Nangsan – Vocals, Guitar
Malice – Drums
Jerry Nelson Ranee – Bass

PLAGUE THROAT – Facebook