Nel 1996 la label britannica Cacophonous Records, che già aveva portato sulla scena i Cradle Of Filth, pubblicò altri due album fondamentali per lo sdoganamento del symphonic black metal: Stormblåst dei Dimmu Borgir e Starfire Burning upon the Ice-Veiled Throne of Ultima Thule dei Bal-Sagoth.
La band dello Yorkshire, che aveva già all’attivo l’ottimo esordio A Black Moon Broods over Lemuria, si distaccava sia dal macabro immaginario gotico-vampiresco dei connazionali, sia dalle algide partiture dei norvegesi, optando per l’esaltazione del sound in senso epico, in ossequio alle tematiche fantasy che erano ben più di semplici citazioni.
Infatti, il sound dei Bal-Sagoth diventava di fatto la metallica e magniloquente colonna sonora creata dai fratelli Maudling per accompagnare le vicende raccontate dalla voce recitante del fondatore Byron Roberts.
L’effetto innovativo era indubbio, cosi come il fascino emanato da sonorità piene, pompose e dal grande impatto melodico, che proprio in Starfire Burning upon the Ice-Veiled Throne of Ultima Thule e nei suoi brani dal titoli ancor più lunghi vedeva la sua massima espressione.
Come spesso accade, anche per i Bal-Sagoth i migliori lavori sono stati proprio quelli citati di inizio carriera, ai quali aggiungerei anche l’ottimo Batte Magic, mentre lo scemare contemporaneo dell’effetto sorpresa e dell’ispirazione hanno portato, in pratica, allo scioglimento della band all’inizio di questo decennio (anche se per ritrovare l’ultimo full length bisogna tornare al 2006). E’ proprio di questi giorni, però, l’uscita dell’album d’esordio dei Kull, di fatto i Bal-Sagoth con un nuovo vocalist, il che fa sperare in una rivitalizzazione di queste sempre interessanti sonorità.

(Stefano Cavanna)

Tracklist:
1. Black Dragons Soar Above the Mountain of Shadows (Prologue)
2. To Dethrone the Witch-Queen of Mytos K’unn (The Legend of the Battle of Blackhelm Vale)
3. As the Vortex Illumines the Crystalline Walls of Kor-Avul-Thaa
4. Starfire Burning upon the Ice-Veiled Throne of Ultima Thule
5. Journey to the Isle of Mists (Over the Moonless Depths of Night-Dark Seas)
6. The Splendour of a Thousand Swords Gleaming Beneath the Blazon of the Hyperborean Empire
7. And Lo, When the Imperium Marches Against Gul-Kothoth, Then Dark Sorceries Shall Enshroud the Citadel of the Obsidian Crown
8. Summoning the Guardians of the Astral Gate
9. In the Raven-Haunted Forests of Darkenhold, Where Shadows Reign and the Hues of Sunlight Never Dance
10. At the Altar of the Dreaming Gods (Epilogue)

Line-up:
Byron Roberts – Vocals, Lyrics
Jonny Maudling – Drums, Keyboards, Songwriting
Chris Maudling – Guitars, Bass, Songwriting