Recensione

Torna una delle band più rappresentative dell’hard rock targato Italia, i piemontesi Bad Bones, al quinto album licenziato dall’attivissima Sliptrick Records.

Prodotto da due icone del metal tricolore come Simone Mularoni e Roberto Tiranti, il nuovo lavoro sfodera una sagacia compositiva straordinaria vantando una raccolta di brani entusiasmanti, adrenalinici, potenti e dal grande appeal, grazie ad una valanga di melodie che travolgono l’ascoltatore, impegnato a dimenarsi e cantare i ritornelli dopo un paio di ascolti.
High Rollers è un album duro e roccioso, uno tsunami di riff che si collocano tra gli anni settanta ed il decennio successivo, con atmosfere che passano agevolmente dalla polvere delle highways della frontiera a quelle dei locali del Sunset Boulevard, ed una serie di tracce che dall’opener e singolo American Days arrivano fino alla semi ballad Solitary Fields in un crescendo rock ‘n’ roll per poi lasciare alla fine dell’ascolto tanta soddisfazione ed un pizzico di nostalgia.
Con il proprio sound rude e melodico, perfettamente bilanciato tra le due caratteristiche, il gruppo piemontese un po’ di anni fa avrebbe fatto sfracelli, transitando regolarmente sui canali musicali grazie a brani magnifici come Wild Rose, Blood TrailsRock’ n Me.
High Rollers è un disco composto da dieci hit che non risparmiano grinta ed energia, sprizzando attitudine da tutti i pori, valorizzati poi da melodie ruffiane ed irresistibili: una vera bomba hard rock che vi esploderà tra le mani in questo autunno che si preannuncia caldissimo.

Tracklist
1 American Days
2 Lost Again
3 Wild Rose
4 Midnight Rider
5 Solitary Fields
6 Now Or Never
7 Blood Trails
8 Wolf Town
9 Story Of A Broken Bone
10 Rock’ N Me

Line-up
Max Malmerenda – vocals
Sergio Aschieris – guitar
Steve Balocco – bass guitar
Lele Balocco – drums

BAD BONES – Facebook