Recensione

Precisazione: non sono qui per convincervi che una della mie band preferite di sempre abbia fatto un album epocale, non sarebbe onesto né giusto nei vostri confronti, né voglio assolutamente, a dispetto dei santi, farvi partecipi dell’importanza che ha avuto nell’underground americano dal finire degli anni ottanta fino ai giorni nostri.

Ma, lasciatemelo dire, non considerare i Corrosion Of Conformity almeno una cult band o e magari dar mloro meno importanza di band pompate dal tirannico MTV, è peccato mortale. Ok, Mr. Pepper Keenan non appare sul disco (anche se, ad oggi in teoria, non ha ancora lasciato ufficialmente il gruppo) ma, fidatevi, IX è un album che (e non poteva essere altrimenti) spacca come pochi. I tre superstiti, Mike Dean, Reed Mullin e Woody Weatherman, che poi sono il trio originale del combo, in questo nuovo album tornano in parte alle origini, non dimenticando che, in fondo, dal debutto “Eye for an Eye” del 1984 di acqua sotto i ponti ne è passata veramente tanta e i C.O.C., nel frattempo, hanno licenziato una marea di dischi, passando dall’hardcore degli esordi allo stoner/sludge delle ultime fantastiche produzioni, rilasciando capolavori come “Blind” (il disco più metal/alternative della loro discografia) nel 1991, “Deliverance” nel 1994 (quello della svolta stoner/southern dal quale Phil Anselmo ha attinto non poco per i suoi Down) e “America’s Volume Dealer nel 2000. I tre musicisti del North Carolina, in questo ultimo album, ripassano tutta la loro discografia, confezionando un lavoro che pesca dallo stoner ma anche dal loro primo amore, quell’hardcore che fornisce al sound un tocco selvaggio che, forse, è mancato nelle ultime uscite. Un ritorno al vero spirito underground quello dei Corrosion Of Conformity, i quali con coraggio lasciano la facile strada dello stoner con iniezioni southern, che oggi sembra piacere non poco (al sottoscritto, tantissimo), optando per un approccio che torna più diretto, meno freak e in linea con le prime produzioni. Certo, la mancanza di Keenan non è cosa da poco, ma i tre musicisti vanno per la loro strada con questo bellissimo macigno che definire rock’n’roll, alla fine, non sembra un’eresia. Rock’n’roll fatto dai Corrosion Of Conformity, ovviamente, e allora: bombe hardcore su un tappeto stoner e sludge, senza soluzione di continuità, pesanti come incudini e dal groove che prende spunto dai ribelli degli stati del Sud, un sound alternative che vi entra nelle viscere per rivoltarvi come calzini, dalla micidiale Brand New Sleep, cattedrale dedicata al doom/stoner, passando da The Nectar per arrivare alla fine di questa ennesima lezione impartita dai grandi C.O.C. Finale: probabilmente non vi avrò convinto, ma secondo me quest’album farà scuola, ne riparleremo fra un paio d’anni…

Tracklist:
1. Brand New Sleep
2. Elphyn
3. Denmark Vesey
4. The Nectar
5. Interlude
6. On Your Way
7. Trucker
8. The Hanged Man
9. Tarquinius Superbus
10. Who You Need to Blame
11. The Nectar Reprised

Line-up:
Mike Dean – Bass,Vocals
Reed Mullin – Drums,Vocals
Woody Weatherman – Guitars,Vocals

CORROSION OF CONFORMITY – Facebook