Recensione

Continuano imperterrite ad affiorare in tutto il mondo realtà dedite al puro death metal sound senza compromessi: i semi sono gettati dalle band che infiammarono gli anni novanta, quando il genere ere al massimo della popolarità, e che sono arrivate al nuovo millennio ancora cariche di energia ma, soprattutto, affiancate da notevoli discepoli che portano avanti il verbo con totale devozione al re di tutti i generi estremi.

L’Italia non è da meno, riservandoci praticamente ad ogni uscita piccoli gioielli estremi come questo devastante Towards The Light, album di debutto dei friulani Dominhate. Quaranta minuti scarsi di massacrante death metal imputridito da malsane esalazioni di Morbid Angel e Nile, foriero di dannazione eterna, estremo nella più pura concezione del termine, violentato da scariche adrenaliniche e rallentamenti di quel doom/death alla Asphix che ha fatto scuola. Il gruppo si avvale di una sezione ritmica sugli scudi per tutto l’album (Steve, basso e voce, e Slippy, batteria), con il growl ultra cavernoso di Steve che comanda le danze e che pare uscito direttamente dagli inferi, mentre le chitarre ricamano riff su riff (Alex e Jesus), impossessate dai demoni che via via attraversano il songwriting della band, ribaltato vorticosamente da sferzate d venti freddi provenienti dal mondo dei vari Nile, Morbid Angel, Hate Eternal e dei maestri olandesi. Dopo un’intro dalle gelide atmosfere, l’album entra subito nel vivo con The Light of the Last Legion, dove indiavolate accelerazioni e rallentamenti pregni di pathos evocativo ci danno il benvenuto nel mondo di Towards The Light: di qui in avanti si sale sulla giostra infernale messa in piedi dalla band che, senza tregua e con la sicurezza del gruppo navigato, mitraglia da par suo conquistandoci con la sua efferata violenza sonora. The New Wave of Domination, The First Seed (dall’intro micidiale), la furiosa Perception, King without Crown elargiscono tremende bordate estreme, sempre con una naturalezza che sorprende per un combo al primo passo su lunga distanza. Questo dei Dominhate si rivela uno dei debutti più riusciti nel genere da un po’ di mesi a questa parte, tralasciando completamente sonorità modaiole e facendo propria l’attitudine e l’impatto delle band regine del death metal.

Tracklist:
1. Towards the Light
2. The Light of the Last Legion
3. In the Principle the Great Sleep
4. The New Wave of Domination 03:30
5. The Essence of the Choice
6. The First Seed
7. Obscure the Call of Salvation
8. Perception
9. King without Crown

Line-up:
Steve – Bass, Vocals
Slippy – Drums
Alex – Guitars
Jesus – Guitars

DOMINHATE – Facebook