Grazie alla reciproca collaborazione con la conduttrice radiofonica Mirella Catena, abbiamo la gradita opportunità di pubblicare la versione scritta delle interviste effettuate nel corso del suo programma Overthewall, in onda ogni domenica alle 21.30 su Witch Web Radio.
Questa volta è il turno dei bolognesi Tenebra.

MC Ci raccontate la genesi della band?

Emilio: I Tenebra si formano ufficialmente alla fine del 2017, ma già 5 o 6 anni prima io e Mesca, il nostro batterista, avevamo provato a mettere su un gruppo heavy rock, senza però riuscire mai a trovare un cantante che ci convincesse.
Senza speranza misi un annuncio su Villaggio Musicale con allegati dei demo. Dopo qualche tempo si fece avanti Silvia e la sua voce ci convinse subito. Claudio era uno del nostro giro e ci piaceva come suonava il basso. Il resto è storia! 😀

MC Come definireste il vostro genere musicale e quali sono le tematiche che affrontate?

Silvia: Lo definirei heavy rock. Il tessuto tematico interpreta la mia dimensione interiore, ed è intimamente connesso al mondo dell’occultismo, della letteratura e della poesia.

MC Parliamo dell’album. Com’è stato l’impatto con il pubblico e la critica? E’ andato tutto secondo le vostre aspettative?

Emilio: Abbiamo registrato il disco con l’aiuto di Bruno Germano, mio ex socio alle chitarre nei Settlefish, in presa diretta, al Vacuum Studio: what you hear is what you get.
Spedì dei premix in giro e ci rispose qualche etichetta, ma i più entusiasti sembravano quelli di BloodRock di Genova.
Purtroppo è stata una fregatura, perché BloodRock, dopo mille rinvii ci ha lasciati al nostro destino senza darci particolari spiegazioni. La fregatura fu doppia perché rifiutammo altre offerte dato che BloodRock si era dimostrata così entusiasta.
Insomma, per farla breve, convinti anche da Marco Gargiulo, che adesso ci sta dando una mano con la promozione di Gen Nero, abbiamo optato per una autoproduzione, un sistema che comunque riteniamo sempre valido, dato anche il nostro passato nel giro hardcore/punk diy.
Il disco è uscito solo in vinile, siamo contenti delle reazioni che sta suscitando, le recensioni sono buone e anche dopo i live riceviamo sempre parecchi complimenti. Insomma non possiamo lamentarci.

MC Chi scrive i testi e le melodie?

Silvia: Io.
Emilio: La parte musicale nasce spesso dall’idea di un singolo, ma poi viene ampiamente sviluppata da tutta la band, è assolutamente un lavoro collettivo.

MC Si parla spesso di supporto alle band underground e molto di questo sostegno è dato dai fans. Che rapporto avete con il pubblico che vi segue?

Emilio: siamo ancora molto agli inizi per poterti rispondere. Come dicevo prima la risposta ai pezzi è buona ed è divertente, per uno come me che ha iniziato a suonare in epoca pre-internet e pre-social vedere che c’è gente che ti conosce negli stati uniti o in giappone solo perché hai postato il tuo pezzo da qualche parte.

MC Ci saranno dei live a supportare il nuovo album?

Emilio: Abbiamo già fatto una piccola tranche di concerti, ma si avvicina l’estate e il disco è uscito troppo tardi, “grazie” a BloodRock per essere inseriti nei festival estivi. Ad ottobre faremo altre date tra cui sicuramente una delle più importanti è la nostra partecipazione al Krakatoa Fest IV che si terrà a Bologna al TPO. Un festival molto bello organizzato dai ragazzi del Freakout.
Poi più in là, in inverno, probabilmente torneremo a registrare.

MC Dove i nostri ascoltatori possono seguirvi?

Emilio: Abbiamo una pagina Facebook e una pagina Bandcamp.
Presto saremo anche sulle altre piattaforme, poi ovviamente ci sono i concerti!

Potrebbe piacerti: