Recensione

I Motherslug sono un gruppo che porta l’ascoltatore davvero lontano, con una proposta musicale fatta di stoner, sludge, ma soprattutto di un groove psichedelico pesante e costante, che continua a macinare eoni sonori.

La base di partenza può essere considerata lo stoner desert, e da lì si parte per un viaggio nello spazio. Il titolo nasce dalla notizia che su Titano le dune hanno una carica elettrica, e il gruppo di Melbourne rende tutto ciò in musica con un’opera maestra, un indicare vie sconosciute. I Motherslug pubblicano uno dei migliori dischi dell’anno nel genere, e i contendenti non sono da poco, ma questo lavoro è veramente un bell’esempio di come si può riuscire a coniugare belle cose e pesantezza. Ci sono pezzi che fluttuano in uno strano etere, altri momenti di durezza monolitica e tanta musica psichedelicamente dura. Questi australiani non hanno paura di sperimentare, e fanno quello che prefersicono, seguendo il loro stile e le loro viziose inclinazioni fino in fondo. Non ci sono cose trite o copiate, qui è tutto originale seguendo un percorso sonoro nato nel 2012 e che progredisce di disco in disco. Troppi dischi di questo genere sono simili fra loro e stereotipati, mentre questo album indica una via da seguire per viaggiare a pieni polmoni. Non c’è fretta, si deve solo calibrare la mente sulle vibrazioni degli Motherslug, e The Electric Dunes Of Titan farà il resto. Difficilmente in questo ambito si sente una tale completezza sonora, le composizioni nascono dalle jam, ma c’è molto di più, ed è tutto da sentire.

Tracklist
1.Electric Dunes of Titan
2.Downriver
3.Followers of the Sun
4.Stoned by the Light
5.Serpents
6.Staring at the Sun
7.Tied to the Mast
8.Cave of the Last God

Line-up
Regan: Guitar
Cyn: Bass
Nick: Drums
Cam: Vocals

MOTHERSLUG – Facebook