Recensione

Bloodlust è il primo lavoro dei bergamaschi Norsemen, quartetto arrivato all’esordio su lunga distanza tramite la Time to Kill Records, dopo un ep uscito un paio di anni fa ma che viene interamente incluso con i suoi quattro brani all’interno di questo nuovo lavoro.

Il genere offerto è un death metal epico e guerresco, un’orda di note rabbiose che travolge i nemici non lasciando anima viva al suo passaggio: l’impronta è quella di scuola scandinava che viene arricchita da spediti attacchi di matrice thrash/black, per una serie di brani uno più epico e potente dell’altro che rendono Bloodlust un esordio di tutto rispetto da parte di questi quattro guerrieri lombardi.
L’ottima prova strumentale dei musicisti (Antonio Brignoli alla chitarra, Beppe Bergamaschi al basso e Paolo Munziello alla batteria), un vocalist che usa a suo piacimento growl e scream di stampo black (Federico Rota) ed un sound che è comunque abbastanza personale e dall’impatto devastante, fanno di questo debutto un album imperdibile per gli amanti del death metal epico, grazie ad almeno una manciata di brani esaltanti.
Evil Master, Black Mountain, la spettacolare Fenrir, la debordante Odin, le conclusive Warrior’s Fate e Time Wrecked Kingdom sono le classiche canzoni che, mi si conceda un luogo comune in questo caso inevitabile, non fanno prigionieri, elevando l’album ed i suoi creatori ai vertici del genere.

Tracklist
1. Intro
2. Evil Master
3. Black Mountain
4. Fenrir
5. Bloodlust
6. Odin
7. Serpent
8. Surtur
9. Warrior’s Fate
10. Time Wrecked Kingdom

Line-up
Antonio Brignoli – Guitar
Beppe Bergamaschi – Bass
Paolo Munziello – Drum
Federico Rota – Vocals

NORSEMEN – Facebook