Recensione

Certo che nel far suonare questo album sulle montagne dolomitiche che fanno da sfondo a Brunico si rischiano,  ad ogni nota, valanghe dovute alla potenza emanata da questa bomba death metal dal titolo Carved In Flesh.

La band che ha creato questo tsunami di metal estremo di matrice old school si chiama Organic, arriva all’esordio su lunga distanza dopo un ep licenziato quattro anni fa (Death Battalion) ed ora si appresta a conquistare i cuori dei deathsters dai gusti tradizionali con questo ottimo lavoro composto da nove brani, più le due tracce presenti nell’ep quali bonus track nella versione in vinile.
Il death metal degli altoatesini si ispira a quello svedese dei primi anni novanta, quando erano in piena azione creature musicali mostruose come Grave, Dismember ed Unleashed, con chitarre come motoseghe che abbattono alberi millenari, ritmiche scatenate che si stemperano in atmosferici momenti doom/death che ricordano gli Asphyx, e poi growl cavernoso, riff taglienti e melodie scaturite da death metal infernale.
Prodotto benissimo, tanto che i dettagli compositivi sono perfettamente leggibili, ed accompagnato da una copertina dal fascino old school commovente, Carved In Flesh è un album che entusiasma, una vera ed imperdibile se siete amanti di queste immortali sonorità.
Gli Organic offrono quasi quaranta minuti, che vorremmo non finissero mai, di immersione in quel sound che ha fatto la storia del metal estremo.

Tracklist
1. Suffocate In Blood
2. Shrouded In Darkness
3. Frozen Meat Medal
4. Macabre Rites
5. Der Fotzenknecht
6. I, Soulless
7. Carved In Flesh
8. Carnal Absolution (Behind The Altar)
9. From Beyond
10. Death Battalion (Vinyl Bonustrack)
11. The Result Is To Collapse (Vinyl Bonustrack)
Line-up

Maxi Careri – Vocals
Benni Leiter – Guitar
Markus Walder – Bass
Lukas Hofer – Drums

ORGANIC – Facebook