Recensione

Dalla notevole scena progressive scandinava arrivano i Rendezvous Point, band formata da musicisti che gravitano o hanno gravitato intorno a realtà importanti come Borknagar, Leprous, Solefald, ICS Vortex e Ihsahn.

Universal Chaos è il loro secondo lavoro sulla lunga distanza, successore del debutto Solar Storm uscito quattro anni fa, ed è un maturo e personale esempio di progressive metal dalle sfumature post rock, meno introspettivo di quello dei Leprous, ma pregno di quegli umori e sensazioni musicali tipiche del sound scandinavo.
Si tratta di un gruppo di musicisti nati e cresciuti nel panorama estremo che hanno evoluto la propria idea di musica tracciando una strada progressiva ben delineata, mostrando capacità tecniche ed un talento smisurato per suoni ed atmosfere che emozionano, introspettive ma legate tanto al metal quanto al rock.
Universal Chaos risulta dunque un lavoro in piena sintonia con la terra di origine del gruppo, che mette comunque in primo piano la capacità tecnica, specialmente nelle molte ritmiche classicamente prog metal.
Tre quarti d’ora di musica dalla naturale emozionalità, una raccolta di brani che ha nell’opener Apollo, nella superba The Takedown e nelle armonie post rock di Resurrection i brani più rappresentativi, anche se si tratta del tipico album da far proprio nella sua interezza e con il dovuto tempo.
I Rendezvous Point confermano con questo nuovo lavoro la qualità altissima delle opere progressive della scena scandinava, fucina di talenti musicali fuori dal comune.

Tracklist
1.Apollo
2.Digital Waste
3.Universal Chaos
4.Pressure
5.The Fall
6.The Takedown
7.Unfaithful
8.Resurrection
9.Undefeated

Line-up
Geirmund Hansen – Vocal
Nicolay Tangen Svennæs – Keys
Petter Hallaråker – Guitar
Gunn-Hilde Erstad – Bass
Baard Kolstad – Drums

https://www.facebook.com/RendezvousPointOfficial