Recensione

Un buon lavoro questo secondo album dei deathsters Appalling, realtà in arrivo dall’underground estremo statunitense e per la precisione da Richmond in Virginia.

Il gruppo licenzia il suo secondo lavoro sulla lunga distanza, dal sound macabro ed oscuro e pregno di attitudine black.
Inverted Realm è composto da sette mazzate devastanti, tra potentissimi id tempo di stampo death metal e sfuriate ritmiche di matrice black/thrash.
Cinque musicisti in nero che non le mandano assolutamente e mirano ai punti più bassi e delicati degli ascoltatori, travolti dalla carica metallica che da forma ad un sound dall’impatto estremo senza compromessi.
Inverted Realm gioca tutto sul muro sonoro alzato dagli Appalling lungo la sua durata, cementato dalla mistura inattaccabile di death e black metal: i Morbid Angel vengono posseduti da demoni in arrivo dall’Europa dell’est e dalle terre del nord, dunque alla band di David Vincent e Trey Azagthoth si uniscono i primi Behemoth e Satyricon a formare un sound pregno di spessa coltre estrema, nera come la pece.
Un album da prendere o lasciare, godibile nella sua interezza specialmente per i fans del metal estremo duro e puro.

Tracklist
1.Hot Coals for Branding
2.Shameful Kiss
3.Epileptic Sermon
4.Artifact and Vessel
5.A Mutilator at Large
6.Critical Thinking
7.Templar

Line-up
D. M. – Guitars
B. M. – Vocals
J.A. – Bass
B. – Drums
J. K. – Guitars

APPALLING – Facebook