Recensione

Askvald è il progetto solista di Apocaleon, musicista di Dresda che giunge con Nachtschattenreich al suo terzo full length in tre anni.

Questo nuovo lavoro segna l’abbandono delle sonorità impostate sulle tastiere, che rendevano certamente più atmosferico l’assieme, a favore di un flavour più epico e diretto, ben rappresentato dalle intriganti linee chitarristiche della title track.
Il bello di questo disco è la sua discreta varietà stilistica, nel senso che Apocaleon non rimane ancorato a coordinate predefinite ma si apre anche a sconfinamenti gothic dark, come avviene nel coinvolgente chorus di Truemmer-Lethargie, seguita dalla più evocativa e rallentata Wolf, nella quale appaiono anche opportune clean vocals ad accompagnare il gracchiante screaming di prammatica.
Il trio di brani in questione, posizionati in scaletta uno dopo l’altro, rappresentano sostanzialmente le varie direzioni verso le quali si spingono le sonorità in questo lavoro, anche se , in generale, Nachtschattenreich conserva quell’alone evocativo tipico del black metal proposto da casa Naturmacht, all’interno del quale l’operato degli Askvald trova naturale collocazione.
Le liriche in lingua madre, come sempre, offrono quel surplus di solennità che, comunque, bisogna essere in grado ad abbinare ad una scrittura mai banale ed avvincente, e questo è ciò che il musicista sassone esibisce con buona competenza in questo suo ultimo riuscito album.

Tracklist:
1. Staub
2. Morgenstund
3. Im Licht der Laterne
4. Nachtschattenreich
5. Truemmer-Lethargie
6. Wolf
7. Gedanken an morgen
8. Gebeine
9. Trauerspiel
10. Gespinste
11. Gegangen um zu bleiben (instrumental)

Line-up:
Apocaleon – Everything

ASKVALD – Facebook