Bâ’a / Verfallen / Hyrgal – Bâ’a / Verfallen / Hyrgal

Un altro spilt album riuscito e ricco di numerosi spunti di interesse e non si può fare a meno di notare che la cosa sta diventando una piacevole abitudine, segno che le label coinvolte non si limitano solo ad assemblare in qualche modo band diverse puntando, invece, all’offerta di un prodotto che mantenga una propria impronta stilistica pur nella peculiarità delle singole realtà proposte.

L’etichetta Les Acteurs de l’Ombre Productions offre un ricco split album che ci presenta tre realtà francesi dedite al black metal, con due brani a testa per circa cinquanta minuti di ottima musica estrema.

Dei tre gruppi l’unico conosciuto fino ad oggi sono gli Hyrgal, dei quali abbiamo già parlato circa un anno fa in occasione del loro valido esordio su lunga distanza intitolato Serpentine, mentre sia i Bâ’a che i Verfallen sono, per quanto ci risulta, al primo passo discografico.
Veniamo quindi a Les terres de la terreur e La grande désillusion, le due tracce con le quali i Bâ’a (dei quali nulla è dato sapere) dimostrano di aver assimilato gli insegnamenti dei migliori interpreti del black metal più atmosferico e melodico, non esibendo in maniera marcata, va detto, quel marchio tipicamente transalpino che spesso rende il genere proveniente da quelle lande molto più ricercato e contorto: i Bâ’a viaggiano spediti con il loro stile ritmato ma al contempo arioso ed evocativo, rappresentando una piacevole sorpresa e ponendo basi davvero solide per il futuro.
Dei Verfallen si sa invece che si tratta del progetto solista del batterista degli Hyrgal Emanuel Zuccaro, il quale opportunamente si discosta dal sound della band di origine optando per uno stile ben più impetuoso e dalle sfumature epiche, piuttosto diretto e sicuramente efficace (molto bella soprattutto La valeur des ténèbres), anche se forse l’offerta di brani lunghi dieci minuti non sempre può rivelarsi una scelta ottimale visto il genere trattato.
Gli Hyrgal, infine, confermano con le due tracce a propria disposizione le buone impressioni destate nel recente passato, con il loro black più ricercato e cadenzato: in Césure l’oscuro sentire della band si sviluppa con tempi ragionati ed un flusso crescente e costante, ma è in Sicaire che il trio aquitano imprime con forza il marchio di un sound già importante, con una prima metà drammaticamente furiosa e di rara solidità che si stempera in un bel finale ambient dai rimandi a quell’ambientazione alpina che i nostri hanno già evocato efficacemente in Serpentine.
Ecco quindi un altro spilt album riuscito e ricco di numerosi spunti di interesse e non si può fare a meno di notare che la cosa sta diventando una piacevole abitudine, segno che le label coinvolte non si limitano solo ad assemblare in qualche modo band diverse puntando, invece, all’offerta di un prodotto che mantenga una propria impronta stilistica pur nella peculiarità delle singole realtà proposte.

Tracklist:
1. Bâ’a – Les terres de la terreur
2. Bâ’a – La grande désillusion
3. Verfallen – Derelictus
4. Verfallen – La valeur des ténèbres
5. Hyrgal – Césure
6. Hyrgal – Sicaire

Line-up:
Hyrgal
A.Q. Bass
F. C. Vocals, Guitars
Z.E. Drums, Vocals (backing)
Verfallen
Emmanuel Zuccaro All instruments

Potrebbe piacerti: