Recensione

Il metal a sfondo piratesco, portato all’attenzione degli ascoltatori del metal classico e power dagli storici Running Wild, trova nuova linfa ed un tocco di originalità nel primo full length omonimo dei Calico Jack, ciurma in arrivo da Milano e battente bandiera pirata dal 2011.

La band (il cui nome è ispirato al capitano John Rackham, inventore della classica bandiera con il teschi e le due sciabole incrociate, conosciuto come Jolly Roger) si allontana dal sound dei Running Wild e dei loro eredi Alestorm per avvicinarsi al folk metal, anche se le atmosfere epiche da abbordaggio sono presenti, così come quelle da locanda e feste alcoliche dopo il ritorno a Tortuga.
I Calico Jack mettono in evidenza una parte estrema, dovuta principalmente al growl, protagonista principale in coppia con il violino, sempre presente nell’economia del sound caratterizzante brani che, alla lunga, tendono ad appiattirsi risultando leggermente prolissi.
Sono forse troppi settanta minuti di durata per un album del genere, anche se non mancano certo episodi rocciosi e divertenti come l’opener The Secret Of Cape Code, Devil May Care e la notevole Under The Flag Of Calico Jack, brano che si rivela una sorta di saga musicale lunga diciotto minuti e picco dell’intero lavoro.
L’album è sostanzialmente rivolto ad appassionati di questo specifico genere, e se tali sonorità non sono esattamente nelle vostre corde non sarà certamente il debutto dei Calico Jack a farvi cambiare idea.
Tracklist

1.The Secret of Cape Cod
2.Where Hath th’ Rum Gone?
3.Death Beneath the Wave
4.Devil May Care
5.Caraibica
6.Songs from the Sea
7.Sharkbite Johnny
8.Grog Jolly Grog
9.Straits of Chaos
10.Under the Flag of Calico Jack
11.Jolie Rouge

Line-up
Giò – Vocals
Toto – Rhythm Guitar, Choirs
Melo – Lead Guitar
Dave – Fiddle
Caps – Drums
Gigi – Bass, Choirs

CALICO JACK – Facebook