Recensione

E’ il nome del volatile andino per eccellenza il monicker scelto dai colombiani Condor, autori di un doom dai tratti epici.

Sangreal è il terzo full length della band di Bogotá, che si disimpegna piuttosto bene offrendo una cinquantina di minuti di musica intensa, in molti tratti evocativa, nonché piuttosto vintage per approccio e scelta dei suoni.
Proprio tale aspetto costituisce croce e delizia di un lavoro che, se guadagna senz’altro in spontaneità ed immediatezza, perde molto però per ciò che riguarda esecuzione e produzione.
L’arrangiamento minimale e l’inserimento di vocals pulite sicuramente rivedibili (in particolare nella title track) sono le pecche maggiori di Sangreal, che resta comunque un opera di un certo valore, proprio per il suo distanziarsi anche stilisticamente dalla maggior parte delle produzioni odierne.
I ragazzi colombiani offrono, in fondo, un’interpretazione della materia così genuina che pare arrivare da altri tempi, ed è proprio questo che rende ben più che degno di un ascolto il loro sforzo compositivo.
La parte centrale, contraddistinta da due brani molto intensi come Viejo Jabalí e Outremer, è quella che offre il meglio, ma nel complesso l’operato dei Condor è apprezzabile nel suo insieme, a patto di non soffermarsi troppo sugli aspetti meramente formali e chiudendo un occhio su qualche ingenuità che fa capolino qua e là all’interno della tracklist: questo è un bel doom, suonato e composto con passione, e di solito chi apprezza il genere non è ossessionato dalle raffinatezze stilistiche, o sbaglio ?

Tracklist:
1. Sangreal
2. Se extienden las sombras
3. Viejo jabalí
4. Outremer
5. Sainte-Terre
6. El árbol de la muerte
7. Roncesvalles

Line-up:
Andrés Vergara – Drums
Antonio Espinosa – Guitars, Vocals
Jorge Corredor – Guitars
Francisco López – Guitars
Alejandro Madiedo – Bass

CONDOR – Facebook