Recensione

Tornano gli svedesi Martyrdöd, capostipiti e fra i migliori esponenti del d-beat e crust politicizzato.

I Martyrdöd sono in giro da molto tempo, la loro carriera è di grande valore, e ogni nuovo disco non delude, proprio come questo Hexhammaren, la loro ultima fatica, che sta già incontrando favori di critica e pubblico. La formula offerta è un assalto di furioso crust hardcore, che con il passare degli anni ha assorbito un tipo di melodia che lo rende ancora più doloroso e letale. Rispetto alla media dei gruppi del genere crust, i Martyrdöd possiedono un ben più ampio ventaglio di soluzioni, e in questo disco ce le fanno sentire tutte. Ascoltando Hexhammaren si fa una specie di carrellata sulla carriera di questo gruppo, che rispecchia il meglio della sua scena. Questi svedesi sono molto arrabbiati e ne hanno tutte le ragioni, e mettono tutta la loro rabbia per fare una musica che ha grande carica ma anche molta introspezione, sia nei testi che nella musica stessa. La loro grande esperienza (sono in giro dal 2001) permette loro di costruire canzoni che hanno uno sviluppo molto stratificato e ben strutturato, con cui l’ascoltatore viene portato per mano a vedere la descrizione di un mondo che è in decadenza, prima di tutto morale. Hexhammaren potrebbe essere l’inizio di una presa di coscienza di qualche ragazzo che si avvicina ad una musica arrabbiata ma con grandi valori, e tutto ciò in questo disco è presente. Ad esempio c’è una canzone sulla Siria, paese che è attualmente scomparso dai radar di questa schizofrenica società dell’informazione, dove ci viene dettato cosa dobbiamo sostenere e seguire. I Martyrdöd ci presentano il conto di questo sfacelo e non è un bel vedere, facendolo con una musica che è struggente. Nel corso dei vari dischi il loro suono è cambiato, e questa ultima fatica è la sintesi più completa e compiuta di cosa sia questo gruppo, sicuramente uno dei migliori nel proprio genere. Hexhammaren è una deriva, una discesa consapevole e molto affascinante in quello che è il nostro inferno: le nostre vite.

Tracklist
1. Hexhammaren
2. Rännilar
3. Helveteslarm
4. War on Peace
5. Bait and Switch
6. Nästa Syrien
7. Cashless Society
8. In the Dead of Night
9. Den Sista Striden
10. Pharmacepticon
11. Judgement Day
12. Sthlm Syndrom

Line-up
Tim Rosenqvist – Guitar
Jens Bäckelin – D-beat
Mikael Kjellman – Guitar & Vocals
Daniel Ekeroth – Bass

MARTYRDOD – Facebook