Recensione

I Tyakrah provengono da Münster, città natale anche degli ottimi Helrunar, e come loro sono un duo, composto dai misteriosi J.R. e I.XII.

Mai come in questo caso l’artwork ci fornisce un’indizio riferito a quanto ci dobbiamo attendere: l’aspro scenario invernale, infatti, viene trasposto in musica con grande cura e fedeltà, offrendo un’interpretazione del black metal tutto sommato neppure troppo convenzionale e decisamente più aperto a sonorità nordamericane rispetto alle abitudini delle band tedesche.
Così, oltre alla solennità e al glaciale rigore che caratterizzano le uscite black metal in terra germanica, rinveniamo anche quel senso di inquietudine e malinconia che non viene confinato solo alle tre tracce strumentali (Praeludium, Interludium e Postludium) ma trova un suo sfogo nelle notevoli e frequenti incursioni di chitarra solista di I.XII, il quale non si limita al solo tremolo come gran parte dei suoi colleghi ma si lascia andare lunghe ed efficaci progressioni dal tocco più morbido e diluito.
Wintergedanken (anche il titolo dice molto sullo spirito che aleggia sul lavoro) è a suo modo anomalo, in quanto disco non di facilissimo ascolto nonostante una propensione melodica piuttosto spiccata, nel senso che le partiture non appaiono mai banali ma frutto di una ricerca sonora da non sottovalutare: il risultato sono quattro brani di lunghezza media sui sette minuti dotati di una buona profondità e, soprattutto, molto focalizzati sul lato emotivo del sound.
Forse proprio l’utilizzo corposo della chitarra solista potrebbe non essere una buona notizia per i puristi del genere, ma lo è invece per chi vuole provare qualche brivido che non sia provocato solo dalle basse temperature evocate dalla copertina: a tale proposito è interessante notare come l’unico essere vivente, un cervo, sia raffigurato in una dimensione minuscola, quasi a voler rimarcare come tutte le forme di vita (uomo incluso) siano insignificanti di fronte alla maestosità della natura. Non so se effettivamente questo corrisponda all’intento dei Tyakrah, ma mi piace pensare che sia così, anche perché il sound della band tedesca si confà perfettamente a questo tipo di sentire.

Tracklist:
01. Praeludium – Auf kalten Wegen
02. Gefrorne Tränen
03. Wintergedanken
04. Interludium – Eisige Andacht
05. Fährten im Schnee
06. Erstarrende Nacht
07. Postludium – Ende des Weges

Line-up:
J.R. – vocals, drums, lyrics
I.XII – guitars, synths, bass

TYAKRAH – Facebook