Recensione

L’esordio su lunga distanza del duo sardo VIII (già Division VIII) è l’ennesima espressione di vitalità di una scena estrema italiana in teoria inesistente, almeno se dovessimo dar retta ai singoli musicisti di volta in volta interpellati, ma che, per fortuna, continua a sfornare puntualmente band e dischi di notevole fattura.

Drakon ne è un ulteriore esempio, nel suo esibire un black death che possiede tutti gli ingredienti per soddisfare gli appassionati di questa sonorità, in particolare chi apprezza i Forgotten Tomb che, volutamente o meno, vengono chiamati sovente in causa nelle parti più ritmate.
Se l’opener Ode To Qayin ci fa intravvedere una band che si muove appunto nei pressi di un black metal cadenzato e di grande efficacia, la successiva Chalice With Blood Poisoned by Snake Bite, dopo una partenza che pare confermare tale tendenza esibisce invece rallentamenti e passaggi caratterizzati da una caliginosa oscurità: ed è in effetti questo il vero marchio del duo cagliaritano, ovvero l’alternanza tra le sfuriate tipiche del black tradizionale e le aperture al death più cupo e dalle sfumature occulte, unite a passaggi asfissianti ai limiti del doom.
Insomma non ci si annoia certo con gli VIII, tra la rivisitazione della marcia funebre nella cangiante Exequias Itinera, un brano dal tocco funereo come In Utero Matris che, complice l’uso dell’hammond, avrebbe fatto la sua ottima figura nella tracklist di “Feretri” degli Abysmal Grief, e la title-track, episodio black doom che lascia il segno delimitando la parte centrale del lavoro.
Le trame allucinate di Meta Stasis – Carcinogenic Cell, specialmente nella sua seconda metà, e della conclusiva Descending the Abyss, sono la pietra tombale collocata su un lavoro indubbiamente complesso ma che merita d’essere sviscerato nella sua interezza.
Il rischio che passi inosservato, confuso tra le miriadi di uscite, è piuttosto elevato, ed è anche compito di chi tratta di musica sulla carta stampata o sul web far sì che ciò non avvenga; tra l’altro Drakon è un album al quale la semplice etichetta death/black non solo sta stretta ma, per certi versi, può risultare anche fuorviante, alla luce delle pesanti influenze dark-doom e di una certa vena sperimentale esibita in diverse parti del lavoro.
Francamente nomi ben più noti e pubblicizzati non hanno minimamente raggiunto il livello di intensità toccato con questo loro primo album dagli VIII, ai quali oggettivamente manca solo una produzione appena un po’ più nitida e, magari, anche qualcuno che si prenda seriamente la briga di promuoverne la musica in loro vece.

Tracklist:
1. Ode To Qayin
2. Chalice With Blood Poisoned by Snake Bite
3. Exequias Itinera
4. In Utero Matris
5. Drakon
6. Meta Stasis – Carcinogenic Cell
7. Descending the Abyss

Line-up:
DrakoneM – Vocals, Guitars, Bass
Mark – Drums

VIII – Facebook