Recensione

Se fai la cover di Bomber dei Motorhead, e la fai in maniera personale, oltre a sapere cosa ci aspetta, siamo pure contenti di ricevere il pugno in faccia.

Gli HI-GH fanno metal punk o punk’n’roll con fortissime influenze del caro vecchio metallo inglese. Amanti della velocità senza controllo e dalla distorsione accompagnata dalla doppia cassa, non c’è solo questo nella loro musica, anzi, in questo ep un metallaro vecchia scuola troverà molti motivi di gioia pura, come quando si cavalca sui territori tracciati dagli Iron Maiden, sempre però con un forte dose di personalità ed originalità. Certamente non è un suono nuovo, ma la difficoltà sta nel proporlo con stile, e gli HI-GH ci riescono benissimo. L’ep è il formato giusto per gustare questo breve compendio del metal classico, di quello spirito che si è perso in questi tempi, ma ci sono gruppi come gli HI-GH che che sono a difesa di questo suono. Si oscilla la testa e ci si muove al ritmo, nulla di più semplice e divertente, ma non è così scontato. Il gruppo romano fa un ulteriore passo in avanti e ci regala un ottimo ep.

TRACKLIST
1. Burn The School Down
2. The Last Love’s Path
3. Hallefuckin’ Luja
4. We Hate You
5. Where All Hell Breaks Loose
6. Bomber (MOTÖRHEAD COVER)

LINE-UP
Tommaso “Slowly” – Bass Guitars & Lead Vocals
Marco “Psyki” – Rhythm/ Lead guitars & Background Vocals
Marco “RedEyes” – Lead/Rhythm Guitars & Background Vocals
El Tito “Oki” – Drums, Background Vocals & Synth

HI-GH – Facebook