Recensione

A soli due anni da Empty Space Meditation il duo olandese completa la trilogia e il lungo viaggio iniziato con Apparitions, EP del 2015.

Edito senza particolare preavviso, The Constellatory Practice offre, qualora ce ne fosse ancora bisogno, l’ennesima dimostrazione di come gli Urfaust siano una band senza pari, dotata di ispirazione, personalità, di un mood peculiare capace di creare sempre musica stimolante e affascinante; ogni loro opera, a partire da Geist ist teufel del 2004, ha sempre avuto alti motivi di interesse offrendo un suono black intenso, viscerale, ricco di derive ambient e doom. L’opener esprime un black doom trascendente, con le sue vocals invocative, a iniziare un viaggio verso luoghi inesplorati; il continuo interagire tra la parte strumentale e i reiterati vocalizzi creano un effetto ipnotico straniante e intossicante. Le idee non mancano ai due musicisti (VRDRBR alla batteria e IX alle voci e alla chitarra, da sempre alla guida della band olandese) e ci permettono di assaporare suoni ambient screziati di aromi orientali in Behind the veil of trance sleep, portandoci con la mente in lunghi rituali dal sapore magico. Un forte afflato cosmico e spirituale penetra nelle nostre sinapsi e gangli neuronali con A course in cosmic meditation, prima che il suono di False sensorial impressions ci riporti in claustrofobici abissi , dove rimaniamo attoniti di fronte a minacce imperscrutabili. Colpisce nel suono della band la profonda competenza, la capacità di saper dove colpire per poter lasciare ferite lacere e sanguinanti. Trail of the conscience of the dead ammalia con cadenza blackdoom sopraffina, mentre il particolare vibrato di IX dona un aura mistica e il lavoro chitarristico si insinua lentamente nella nostra sostanza grigia, scavando e lacerando con precisione, stimolando la nostra psiche verso dimensioni acide e visionarie. La parte finale del brano, sommersa di archi e synth, meraviglia e lascia desiderosi di mandare in un loop continuo i dodici minuti di questo brano magnifico. Suggestioni orrorifiche marchiano a fuoco l’ultimo brano con un uso pesante e reiterato di organo e litanie che spaziano in un cosmo profondo e desolato. L’opera cresce in modo smisurato con gli ascolti, non deve essere ascoltata in modo superficiale ma sentita nel profondo. Gli Urfaust lasciano sempre, con la loro arte, sensazioni molto peculiari e come al solito la loro personalità e l’ispirazione sono un unicum nel mondo dell’arte nera.

Tracklist
1. Doctrine of Spirit Obsession
2. Behind the Veil of the Trance Sleep
3. A Course in Cosmic Meditation
4. False Sensorial Impressions
5. Trail of the Conscience of the Dead
6. Eradication Through Hypnotic Suggestion

Line-up
VRDRBR – Drums
IX – Guitars, Vocals

URFAUST – Facebook