Recensione

Tedeschi, ma dal sound e dall’impatto che più americano di così non si potrebbe, tornano i The Helldozers con il secondo lavoro sulla lunga distanza  a base di groove southern metal.

La band originaria di Colonia è attiva dal 2010 e dopo aver dato alle stampe due mini cd ed il primo album (Hate Sweet Hate) ci sconquassa con Carnival, nuovo lavoro che conferma la belligeranza metal’n’roll con cui infiammano i palchi del centro Europa.
Una serie di cannonate che lasciano una scia di fumo, mentre le vittime sono finite a colpi di machete dal teschio sudista che, con sguardo pericolosamente ironico, fa bella mostra di sè sulla cover del cd.
Le foreste tedesche divengono il deserto statunitense, ed è un attimo tramutare la rigogliosa e umida natura delle terre germaniche in sabbia del deserto, che maligna si fa spazio in ogni poro mentre il gruppo comincia il suo macello sonoro con Burning Like A Flame, opener di questo assalto southern metal, tutto groove e whiskey.
I The Helldozers rompono gli indugi e fin dalle prime avvisaglie veniamo travolti dall’impatto del quartetto, i brani si susseguono violenti e colmi di groove,  grazie un metal-rock di matrice live, un carro armato che non si ferma e travolge tutto a colpi di Pantera, Motorhead (che tributano con la traccia We Love Motorhead), ed un pizzico di Metallica, ma quel tanto per rendere l’assalto sonoro leggermente più melodico.
Non sono eleganti e raffinati gli The Helldozers, anzi sono brutti, sporchi e cattivi ma a noi piacciono proprio per questo, quattro teppisti persi tra la bruma tedesca giocando a fare i cowboy, divertendosi e facendoci divertire.

TRACKLIST
1.Burning like a Flame
2.Not My Way
3.Carnival
4.Dead or Alive ’16
5.Hell
6.Fuck the King
7.Dark Water
8.Bullet in a Gun
9.Revolution ’16
10.Life Is a Fucking Game ’16
11.We Love Motörhead ’16
12.Don’t Be like Me

LINE-UP
Atha Vassiliadis – Guitars
Philipp Reissfelder – Guitars, Vocals, Bass
Tony Rynskiy – Vocals
Alex Müller – Drums

THE HELLDOZERS – Facebook

DESCRIZIONE SEO / RIASSUNTO