Recensione

Entriamo nell’underground svedese diabolico, oscuro e malvagio oltre ogni aspettativa; il debutto dei Musmahhu contiene tutte queste amene caratteristiche e di questo dobbiamo ringraziare la teutonica Iron Bonehead, da sempre immersa in queste sonorità catramose e sotterranee.

Debutto davvero interessante ma dietro le quinte tira le fila Swartadaupuz, un personaggio storico dell’estremo in terra scandinava, immerso in molteplici progetti prettamente black, tutti di ottima qualità, dal raw all’atmosferico con taglio personale. Chi segue la scena si sarà sicuramente imbattuto in acts come Svartit, Helgedom e Azelissasath solo per citarne alcuni; sono molto numerosi i suoi progetti ma la poliedricità e la forte personalità rendono ogni uscita meritevole di attenzione. Non pago di questa iperattività e arso dal sacro fuoco interiore, Swartadaupuz si lancia in una nuova avventura dedicandosi all’esplorazione del versante black death della sua ispirazione creando un concentrato di potenza e costruendo un muro impenetrabile di suoni, claustrofobico e intossicante e accompagnato da Likpredikaren alle vocals, dal growl depravato e gorgogliante; noi incauti ascoltatori siamo intrappolati in un abisso di ferocia e odio da parte di una creatura mitologia mesopotamica multiforme, il Musmahhu, che ci attorciglia la gola con forza portandoci all’asfissia sensoriale. Sette brani, tutti del medesimo alto valore, che attaccano con un suono vibrante, denso e che raramente rallentano, sfiorando conturbanti lidi doom. Il polistrumentista conosce perfettamente la materia estrema, ha grandi capacità compositive ed è in grado di atterrarci senza pietà; il lento dipanarsi nell’inizio della title track, riempie l’aria di una malvagità sconfinata; è vero che di death ne esce parecchio, ma la capacità di coinvolgimento di questa band è molto alta, per di più aiutata da un’ottima produzione, sempre underground, ma di livello. La capacità di creare melodie che ricordano l’old school svedese dei bei tempi e la attitudine feroce e malevola, fanno salire l’adrenalina durante l’ascolto. Ottima opera prima da parte di un’ artista che oltre a essere impegnato in molteplici progetti gestisce anche la Ancient Records, scrigno di meravigliose entità black.

Tracklist
1. Apocalyptic Brigade of Forbidden
2. Musmahhu, Rise!
3. Slaughter of the Seraphim
4. Burning Winds of Purgatory
5. Reign of the Odious
6. Spectral Congregation of Anguish
7. Thirsting for Life’s Terminus

Line-up
Likpredikaren – Vocals
Swartadauþuz – Guitars, Bass, Keyboards