Recensione

Chiamatelo come volete: deathcore, death metal moderno, amatelo, odiatelo, ma sappiate che un album come questo devastante lavoro intitolato Tutor Of The Dying è di una forza espressiva dirompente.

Loro sono i belgi When Plagues Collide, attivi da appena due anni e con un solo ep alle spalle, sono in cinque e hanno dato vita ad un’opera estrema straordinaria per potenza, intensità e brutalità: la band ci investe con gli undici brani che compongono Tutor Of The Dying. album nobilitato da una parte sinfonica che però non risulta invadente essendo usata con parsimonia,
Death metal, core, brutal, accenni grind ed armonie orchestrali entrano in quello che rimane un lavoro devastante, formando una musica che deflagra epica, violenta e brutale.
Growl cattivissimo, che a tratti prende toni grind core, ritmiche stoppate ma varie tra accelerazioni violentissime e mid tempo tellurici, brani operistici dall’andamento inquietante che si trasformano in metalliche deflagrazioni sonore sono le peculiarità della musica creata dai When Plagues Collide in questo primo bellissimo lavoro.
Se pensate che il metal moderno non sia in grado di portare alta la bandiera del genere più estremo, non vi siete ancora imbattuti nel gruppo belga e nel loro Tutor Of The Dying, fatelo al più presto.

Tracklist
1. Messengers of the Dying
2. Fertilization with the Bodies of Man
3. Legion
4. Dictating Violence
5. Als Imerative Grootmacht
6. Tutor of the Dying
7. Fleshmound
8. Belials Archetype
9. Marked for Destruction
10. Corpus Maleficus
11. Vows

Line-up
Wouter Dergez – Vocals
Joris Durgez – Guitars
Santy Van der Mieren – Guitars
Bastiaan Barbieux – Bass
Siebe Hermans – Drums

WHEN PLAGUES COLLIDE – Facebook