Recensione

Dal Lussemburgo arrivano i Lost In Pain, realtà di tutto rispetto dell’underground metallico europeo, arrivati con questo nuovo album al terzo su lunga distanza dopo il debutto omonimo del 2011 ed il precedente Plague Inc. licenziato nel 2015.

La band suona un heavy thrash old school che tradisce ispirazioni americane, quindi dal grande impatto, ben prodotto, veloce e basato su un lavoro strumentale di buona fattura.
I primi Metallica sono probabilmente la band che più si avvicina al sound del quartetto di Niedercorn, composto da Hugo Centeno (voce e chitarra), Dario Raguso (chitarra), Luca Daresta (batteria) e Nathalie Haas (basso), che partono a manetta con la title track e arrivano al traguardo passando per devastanti accelerazioni, groove e mid tempo pesantissimi.
La loro attitudine old school è mitigata da una produzione in linea con quanto proposto oggigiorno, punto a favore dei Lost In Pain che risultano tradizionalisti nel sound ma sul pezzo in quanto a scelte in sala d’incisione.
Accenni a qualche sfumatura estrema a livello d’impatto fanno il resto e brani possenti come Rebellious Protesters o A Word risultano delle potenti mazzate heavy/thrash, così come funzionano le melodie metalliche della semi ballad in crescendo God Of Destruction.
In conclusione Gold Hunters è un album diretto, potente e ben suonato, assolutamente consigliato agli amanti del thrash metal di matrice statunitense.

Tracklist
1.Gold Hunters
2.Mining for Salvation
3.Revolt
4.Rebellious Protesters
5.Burnout
6.A Word
7.God of Destruction
8.The Great Illusion

Line-up
Hugo Centeno – Vocals / Lead Guitar
Dario Raguso – Guitar / B.Vocals
Luca Daresta – Drums
Nathalie Haas – Bass / B. Vocals

LOST IN PAIN – Facebook