Recensione

Secondo ep per il gruppo italiano di punk rock Second Youth.

Questi ragazzi fanno un punk rock molto melodico e ben prodotto, che guarda alla scuola californiana dei Rancid e dei gruppi Fat Wreck. Dopo il primo ep si sono imposti all’attenzione internazionale, infatti il presente lavoro è una co-proudzione internazionale fra varie etichette, l’italiana Indiebox Music , l’europea Epidemic Records , e l’americana Paper and Plastick Records. Il suono della band si presta molto a farsi conoscere ed apprezzare fuori dai confini nazionali, grazie ad un marcato respiro internazionale che si percepisce molto bene all’ascoltoo. I Second Youth hanno una marcia in più e lo dimostrano con questi quattro pezzi, potenti, melodici e precisi. Certamente nel loro sound è molto presente la componente anni novanta del punk rock, forse quella che ha segnato di più le cose migliori di questo genere negli ultimi anni, e i Second Youth sono fra queste. Questi ragazzi riescono a cogliere il meglio rielaborando molto bene il tutto secondo il loro gusto personale. Melodia che significa cuore, velocità quando serve e passo più cadenzato per cose più intime, ma sempre con il proprio passo e la propria personalità. La produzione è buona e riesce a far risaltare l’operato della band facendole compiere un ulteriore passo in avanti. Juvenile riesce benissimo ad essere ciò che vuole sembrare, un qualcosa che parla al cuore e alla pancia, come sanno fare solo i gruppi punk rock migliori. L’idea migliore ve la farete guardando ed ascoltando il singolo Zero qui sotto.

Tracklist
1. ZERO
2. JUVENILE
3. MORONS
4. BLUE

SECOND YOUTH – Facebook